Powervolley Milano, Sbertoli: “Vestire questa maglia è una responsabilità”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Riccardo Sbertoli è stato il primo protagonista di #AskTo #ViciniELontani dell’Allianz Powervolley Milano. Il palleggiatore della squadra meneghina ha risposto alle domande postegli in diretta.

Le parole di Sbertoli

Mi mancano tanto i miei compagni, è dura passare da una quotidianità in cui vedi delle persone tutti i giorni ad un momento in cui fatichi a condividere qualcosa. Quando ho iniziato a giocare mi sono sempre ispirato a Bruno, ha vinto tutto. Man mano che vai avanti, che arrivi a giocare in Serie A, più che avere un idolo cerchi di imparare dagli altri, perché ogni palleggiatore ha un suo timbro e bisogna cercare di capire cosa potresti fare tu per avvicinarti alle loro capacità. L’ideale sarebbe riuscire a prendere qualcosa da tutti. De Cecco, ad esempio, è il migliore nel palleggio ad una mano ed è il più bello da vedere».

La Powervolley Milano

“Come mi sento quando entro in campo e sento il mio nome? Sono emozioni forti, ti da una carica incredibile che ti permette di dare il massimo. Come quando abbiamo giocato al Mediolanum Forum lo scorso anno: un palazzetto gremito per una giornata fantastica. È quella una delle partite più belle della mia carriera. La partita più emozionante di questa stagione invece è quella con Civitanova. Loro erano imbattuti, noi avevamo anche Petric out per un infortunio, ma ci siamo uniti come squadra ed abbiamo vinto in casa loro”.

Coronavirus

“Sono uno studente un po’ particolare: per gli allenamenti che faccio non riesco a frequentare l’ambiente universitario e questo mi dispiace. Ma mi piace quello che studio. Vestire la maglia di Milano È una responsabilità ma mi riempie di orgoglio. Milano è la squadra che mi ha permesso di giocare in Superlega nella mia città: forse anche per questo mi metto addosso un sacco di responsabilità. Però adesso è il momento di rispettare le indicazioni che ci vengono date. Quindi restiamo a casa. Questo 2020 non è partito nel migliore dei modi, è surreale non vedere gente in giro. Dobbiamo aspettare che questa situazioni passi e fidandoci di chi da le precauzioni”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi