Powervolley Milano, Kozamernik: “Io vorrei essere una bandiera”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Dopo Sbertoli, Jan Kozamernik è stato il Protagonista della seconda sessione live di #AskTo sui canali social di Powervolley Milano. Il centrale sloveno, in diretta, ha risposto alle domande dei tifosi.

Le parole di Kozamernik

Mi manca il mio paese, la mia ragazza, la mia famiglia. Sono quelle le cose che mi mancano di più e sicuramente non vedo l’ora di vederli. Mi manca molto giocare a pallavolo, stiamo soffrendo molto in questo periodo perché ci manca la nostra passione”.

La pallavolo

“Una cosa che mi ha aiutato molto a muro è essere tranquillo, bilanciato e seguire la palla, mentre in attacco devi essere veloce. Chi il più difficile da murare? Secondo me Simon, ha un braccio e spalla molto veloce, ma soprattutto è molto alto. Ho scoperto la pallavolo quando avevo 12-13 anni perchè il mio migliore amico giocava a pallavolo, ho deciso di smettere a giocare a calcio per stare più tempo con lui. La cosa strana è che lui ha smesso di giocare, mentre io sono arrivato in Serie A”.

Powervolley Milano, il futuro

“Siamo una società in crescita, dobbiamo ancora migliorare. Mi piacerebbe molto diventare un punto di riferimento o una bandiera, ma dipende da tanti fattori. Coach Piazza ci dà una carica incredibile. Ci trasmette la sua passione per la pallavolo che vive 24 ore su 24. Siamo molto uniti, ci piace stare insieme e questo è importante e si vede”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi