Powervolley Milano, Clevenot: “Sempre creduto in noi stessi”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Trevor Clevenot è stato il protagonista della nuova puntata di #AskTo, per la prima volta in diretta contemporanea anche su Tik Tok e su Twitch, oltre che su Facebook, Instagram, Twitter e Youtube. Lo schiacciatore francese in forza alla Powervolley Milano ha risposto alle tante domande dei tifosi.

Le parole di Clevenot

“Stare a casa è difficile per tutti, ma è la sfida alla quale siamo chiamati tutti. Anche io non so più cosa fare, però dobbiamo farlo perché è una cosa più grande di noi. Dobbiamo cercare di essere sorridenti. Io sono fatto così: come mi vedete in campo. Cerco di essere sempre positivo. Mi piace sorridere e godermi i momenti della vita. Ho iniziato a giocare da ragazzino a 13-14 anni, ero sempre con il pallone in mano quando ero in spiaggia, giocando a beach volley. Dopo aver giocato a calcio e a tennis, ho iniziato a praticare pallavolo anche perché mio padre era un ex giocatore dell’arrivo degli emiri. Mi piace però uscire, fare shopping e poi qui a Milano ci sono tantissime cose da fare”.

Powervolley Milano

Clevenot è tornato sul sold out contro Modena. “A dir poco incredibile: sapevamo che era un appuntamento importante per la società ma anche per noi. Abbiamo fatto una delle migliori partite della stagione e poi la gente tifava per noi. È stato emozionante. Quest’anno contro Civitanova inveece non abbiamo fatto una grandissima partita, nel senso che tecnicamente non abbiamo giocato al meglio delle nostre qualità, ma abbiamo vinto da squadra, sapendo soffrire e mettendo in campo il nostro spirito. Abbiamo sempre creduto in noi stessi. Il coach ha trovato un sistema diverso, ci abbiamo creduto sempre al 100% e siamo riusciti a toglierci delle soddisfazioni. Io universale? Questa capacità mi ha permesso di vedere la pallavolo in un’altra maniera e mi ha fatto crescere tantissimo. Ho dato la mia disponibilità e mi sono divertito: quando giochi con il sorriso riesci a dare il 100% senza problemi. Sicuramente questa cosa di giocare in spiaggia quando ero più giovane mi ha aiutato tantissimo”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi