Dove praticare ciclismo a Milano

Finalmente, dopo tantissime settimane passate all’interno delle proprie mura domestiche in attesa che il coronavirus si facesse meno pericoloso, la fase 2 è iniziata anche per Milano e per tutta la Lombardia, seppur con qualche difficoltà in fatto di assembramenti non consentiti. Così, dopo la lunga attesa, ecco per chi ama fare sport all’aria aperta, e soprattutto praticare il ciclismo, spalancarsi le porte del capoluogo lombardo. Come noto, il ciclismo è uno degli sport più seguiti e praticati in Italia, sia dagli atleti professionisti, che dai perfetti amatori solamente amanti del genere, ed è anche diventato uno delle forme più apprezzate di mobilità sostenibile, specialmente nelle grandi città.

Milano, una città da girare in bici

Nel capoluogo lombardo, ormai, come anche in altre zone italiane si riesce a praticare il ciclismo senza troppi problemi attraverso innumerevoli zone dedicate. La cultura della bici è sempre stata nel DNA degli italiani e, con l’avanzare delle politiche green intraprese da alcuni comuni, oggi è sempre meno complicato attraversare le grandi metropoli in sella alla propria bicicletta. Questo mezzo di trasporto alternativo, dunque, viene sempre più spesso usato sia come mezzo utile agli spostamenti, ma anche come veicolo visto come occasione per intraprendere una crescita culturale ed ecosostenibile per il paese. Ovviamente, essendo Milano una città fortemente frenetica, il comune stesso ha stabilito delle precise direttive di comportamento per riuscire a pedalare nella più completa tranquillità e sicurezza attraverso le innumerevoli piste ciclabili, percorsi suggeriti e aree verdi.

Per certi versi, Milano è una delle città più ideali per andare in bicicletta: è perlopiù pianeggiante, non molto estesa e piuttosto piacevole. Esplorare le sue aree verdi, passare difronte al Duomo, o costeggiare i Navigli fino ad arrivare alle meravigliose zone appena fuori porta è sicuramente un’avventura tutta da intraprendere. Ma quali sono effettivamente i percorsi da poter sfruttare per godersi al meglio Milano?

LE MIGLIORI ALTERNTIVE: TRA CICLABILI E PERCORSI

Come anticipato, non c’è niente di meglio che affrontare una passeggiata o un allenamento in bici attraverso i 182 chilometri di piste ciclabili che offre Milano. Un’intera gamma di percorsi, che passano per viale Tunisia, via Verdi, la passerella di via Breda e di via Padova e via Palmanova. E ancora, da Melchiorre Gioia all’Arco della Pace, dalla Centrale al Duomo, da Affori a Garibaldi, da Porta Romana all’Abazia di Chiaravalle.

Una città, dunque, sempre più su misura per gli appassionati di ciclismo, che offre ogni tipo di percorso. Dal centro città, fino alle porte della periferia, passando anche per il semicentro. Oltre alle numerose zone ciclabili, interessanti sono anche i percorsi che conducono fuori porta. Tra quelli di maggior interesse ci sono: il percorso dei Navigli della Martesana, che con i suoi 38 km conduce da Trezzo sull’Adda a Milano o quello del Canale della Muzza, che collega Cassano D’Adda a Lodi. Insomma, una Milano per tutti i gusti. Che in piena fase 2 torna a splendere con i suoi percorsi ciclistici sotto l’attento sguardo del Duomo e della sua Madonnina.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi