Milano Baseball, si comincia: il presidente Selmi “Follia e razionalità”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Follia e razionalità. Domenica ricomincia il campionato di Serie B e al via ci sarà anche il Milano Baseball. Che quest’anno si presenta con qualcosa in più, quel Centro Kennedy di via Olivieri tanto atteso per quasi 25 anni, teatro domenica del derby contro l’Ares. Ne abbiamo parlato con Alessandro Selmi, il presidente del club. 

Presidente, domenica finalmente si ricomincia 

«Da una parte siamo molto contenti, perché personalmente all’inizio ero scettico che si potesse riprendere. Ad un certo punto, quando le curve non scendevano, mi sono chiesto ‘Ce la faremo davvero’?»

Che stagione sarà? 

«Sicuramente non sarà un anno completamente perso, anche se il calendario è molto corto. Si gioca fino a ottobre con tutte le problematiche del caso: maltempo, illuminazione che al Kennedy ancora non c’è, ecc.. Il rischio esiste, vediamo cosa succede.»

Però finalmente avete una casa

«Fa ridere pensare all’accaduto. Abbiamo preso in gestione il Kennedy dopo 25 anni di attesa e da lì ad un mese era nuovamente chiuso per il lockdown (ride, ndA). Al di là di questo la soddisfazione è enorme, in pochi mesi siamo riusciti a mettere apposto cose non fatte per anni. Abbiamo sistemato la sede, la segreteria, il sotto tribuna… un lavoro notevole, la base per il futuro».

Il Milano Baseball come si presenta a questo campionato di Serie B? 

«È una buona squadra. Abbiamo confermato il gruppo dell’anno scorso, tranne un ragazzo che ha deciso di smettere, e integrato con due di Lodi che ci possono dare una mano. Stiamo definendo all’ultimo un accordo con un lanciatore comunitario per completare il monte».

Obiettivo? 

«Fare bene, il meglio possibile; e se i ragazzi riusciranno a buttare il cuore oltre l’ostacolo, potremmo ambire a qualcosa d’importante. In questa fase l’entusiasmo di gestire il centro ci porta ad essere anche un po’ folli, ma forse è un elemento a valore. Poi deve restare un briciolo di razionalità per non rovinare tutto».

Una follia candidare il Kennedy per gli Europei dell’anno prossimo? 

«Mi hanno già contattato delle società, io ho rilanciato chiedendo di ospitare il Torneo delle Regioni, la massima espressione giovanile nazionale. Per me è un’opportunità da cogliere; se vogliamo terminare bene i lavori sul campo e invogliare la politica a darci una mano, servono iniziative importanti. Gli Europei sono un evento molto più grande, non sono sicuro che sarà pronto il Kennedy. Farei uno step alla volta, questo è il pezzo di razionalità che vive in noi».

Che poi è il collante di questa nuova Milano Baseball 

«Il punto è immaginare cose che possiamo fare e provare a farle velocemente. Però essere anche consapevoli del fatto che non puoi minare le fondamenta, distruggeresti la società. Costruiamole prima, le fondamenta: poi può arrivare anche il grattacielo».

E il sogno nel cassetto di Alessandro Selmi

«Organizzare a settembre un evento di inaugurazione del Centro Kennedy aperto a tutti. La nostra stagione riparte a porte chiuse, una vera inaugurazione con chi ci vuole bene è necessaria».

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi