Alessandro Brambilla: “Prima esperienza in A1 con Pallanuoto Metanopoli, punto a fare un buon campionato”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Alessandro Brambilla, elemento di spicco dell’attacco di Pallanuoto Metanopoli. Alla sua prima stagione in A1, dopo il recentissimo ripescaggio della Società ufficializzato solo pochi giorni fa. Tra conferme e nuovi arrivi, il roster è competitivo. Ma Alessandro Brambilla usa prudenza, la Serie A1 è un bel sogno che non consente distrazioni ne previsioni. Obiettivo dichiarato è quello di fare bene, insieme a tutta la squadra. Di seguito, l’intervista.

Alessandro Brambilla in A1 con Pallanuoto Metanopoli

Fino a pochi giorni fa non conoscevamo le sorti della squadra, anche se giravano voci mancava l’ ufficializzazone – dichiara Alessandro Brambilla, attaccante di Pallanuoto MetanopoliIl nostro dirigente Alessandro Celia si è battuto a gran voce, la promozione in A1 è anche merito suo. D’altronde, siamo la squadra meglio attrezzata per il passaggio in Serie A1. E ci presentiamo nella serie maggiore con un roster competitivo

Tra i nuovi arrivi anche alcuni ex compagni

La Società ha mantenuto il blocco dell’anno scorso con innesti molto validi – prosegue Alessandro Brambilla – Dai fratelli Giovanni e Lorenzo Bianco provenienti dal Rari Nantes Savona al secondo portiere Lorenzo Cavo. La difesa è stata rinforzata con gli acquisti di Matteo Monari proveniente dal Bogliasco e Roberto Ravina acquisito da BPM Sport Mangement. Ritrovo così due compagni delle giovanili, Leonardo Cavo e Roberto Ravina erano con me a Nervi. E in panchina abbiamo un nuovo allenatore, Fabio Gambacorta. Anche lui mio ex compagno, al Bogliasco. Per affrontare al meglio una stagione che si presenta molto impegnativa

Stagione in A1, si punta a un campionato senza patemi

Dalla Serie B alla Serie A1 in tre anni non è cosa da tutti. La crescita costante della squadra e i risultati hanno confermato la bontà del progetto di Alessandro Celia. E con i risultati è cresciuta la convinzione di poter fare bene. Anche se arriviamo al nostro primo anno in A1 con una promozione d’ufficio, puntiamo a fare un buon campionato senza patemi. E magari toglierci qualche bella soddisfazione. Ovviamente non sarà facile, la Serie A1 ti obbliga a non mollare mai

Alessandro Brambilla, la Serie A1 è un sogno che non consente di fare previsioni

A chi mi chiede quanti gol mi sono prefissato di fare, rispondo che è già un bel sogno poter disputare un campionato nella massima serie – commenta prudentemente Alessandro Brambilla – Segnare è sempre bellissimo ma davanti a me troverò squadre molto competitive. Il mio vero obiettivo è fare un buon campionato insieme alla squadra

Forma mantenuta durante il lockdown, adesso si comincia a fare sul serio

L’anno scorso mi sono allenato in Liguria, il lavoro di fisioterapista a Genova non mi permette il trasferimento a Milano. E quando la pandemia ci ha costretto a sospendere il campionato, ho fatto in casa tanti esercizi a corpo libero che già facevo durante l’anno in palestra. Per supplire alla mancanza di attrezzi, ho anche comprato alcuni elastici per fare gli esercizi più pesanti come piegamenti e flessioni. Poi anche quando il campionato è stato definitivamente soppresso ho comunque continuato. Ma non è la stessa cosa. Adesso che la situazione è ripartita – conclude Alessandro Brambilla – sono finalmente tornato ad allenarmi in maniera più consona per un campionato che mi stimola molto. Non vedo l’ora di iniziare

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi