Powervolley Milano, niente Coppa Cev: sarà Challenge Cup
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Non ci sarà la Coppa Cev nel futuro dell’Allianz Powervolley Milano, che proseguirà il suo cammino in Challenge Cup. La società del presidente Lucio Fusaro non darà l’ok all’eventuale ripescaggio, preferendo continuare il suo percorso nella terza coppa continentale.

Powervolley Milano, niente Coppa Cev

Niente Coppa Cev, dunque, per i ragazzi di coach Roberto Piazza. La porta si era spalancata dopo che la federazione europea aveva annunciato il passaggio di Trento nel maschile e Scandicci nel femminile in Champions League, decisione poi ratificata ed accettata dai due club. Le due formazioni, avendo concluso la stagione 2019/2020 al quarto posto, avrebbero dovuto disputare solo la Cev Cup. La decisione della federazione europea ha spalancato le porte di Allianz Powervolley Milano tra gli uomini e Vero Volley Monza tra le donne per la seconda coppa nazionale. Ma i due club, ad oggi, hanno idee contrastanti.

Nessun obbligo, sarà ancora Challenge Cup

Ben inteso, non c’è nessun obbligo per l’Allianz Powervolley Milano e la Vero Volley Monza. I due club, che si sono qualificati per la Challenge Cup, all’atto dell’iscrizione alla terza coppa continentale dovrebbero semplicemente dare o non dare il consenso all’eventuale ripescaggio in Cev Cup. In campo femminile Monza potrebbe essere tentata, mentre in quello maschile la presa di decisione di Milano è netta ed orientata al no

Monza sogna, Milano più cauta

D’altronde il club brianzolo ha allestito una formazione di tutto rispetto, per giocare un ruolo di primo piano in Italia e non solo. Da Alessia Orro ad Anna Danesi, con quest’ultima che lavora per un posto nella Nazionale che andrà alle Olimpiadi, la formazione è di certo di calibro. E l’idea di potersi fronteggiare in Cev Cup è allettante per il club della presidente Alessandra Marzari. Per Milano, invece, l’idea è differente. La società ha deciso per il rinnovamento della squadra e l’inserimento di alcuni giovani di valore. Motivo per il quale ipotizzare un percorso in Challenge Cup, impegnativo ma sicuramente meno proibitivo di quello della Cev Cup, potrebbe essere l’ideale per la crescita di tutto il gruppo e dei singoli. D’altronde la scorsa stagione la Challenge Cup era un obiettivo decisamente alla portata, con il covid che ha interrotto il percorso dei milanesi in semifinale, dove avrebbero dovuto affrontare i portoghesi del Benfica. Meglio la Challenge Cup che alzare l’asticella in Cev Cup.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi