Floball, i Celtics Milano si candidano a prima squadra della città
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Floball Italia spegne le prime dieci candeline. Uno sport diverso, una esclusività tutta italiana. Interessante mix tra più discipline, dinamico e inclusivo insieme, si gioca cinque contro cinque in un campo delle dimensioni di un campo di pallavolo. Sono previste anche squadre miste, uomini e donne giocano alla pari. L’obiettivo è mandare la palla in meta, sulla falsariga di rugby e football americano. Ma con movimenti e ruoli che ricordano un po’ il basket, un po’ il calcio. Senza essere ne l’uno ne l’altro. Il movimento è in crescita, alle squadre già esistenti si è aggiunta da poco più di un anno Celtics Milano Floball, società che si candida a diventare la prima squadra di Milano e motore trainante dell’intero movimento nazionale. Nell’intervista che segue, Mirko Biasion, fondatore di Floball Italia e presidente-allenatore di Celtics Milano Floball, illustra progetti ed ambizioni. Di Celtics Milano Floball, ma non solo.

Floball, festeggiati i dieci anni in Italia

Il floball nasce in Italia ma strizza l’occhio allo sport di matrice anglosassone – spiega Mirko Biasion, fondatore di Floball Italia ed oggi presidente di Celtics Milano FloballIl mese scorso abbiamo festeggiato i primi dieci anni di attività, un bel traguardo. Ma abbiamo ancora tante cose da fare. Dopo averlo fondato, nei primi anni mi sono occupato di gettare le basi per la costituzione di una Lega. Facevo anche il giocatore, ero la guardia, e occasionalmente il playmaker, dei Pioneers di Firenze. Ma avvertivo la mancanza della dimensione centrale dell’allenatore, ho quindi deciso di creare una nuova squadra che avesse un progetto più solido per poter trasmettere la mia esperienza ai giocatori. Sono così nati i Leoni Firenze Floball

Milano, città che può fare bene

La vita mi ha dato fortunatamente più scelte, per il lavoro avevo più opzioni. E il trasferimento a Milano, due anni fa, mi ha dato l’opportunità di approcciare una realtà alla quale guardavo con molto interesse. Anche per via della mia fede calcistica, sono da sempre tifoso milanista. Oltretutto uno dei miei genitori è cresciuto a Milano, elemento che rafforza ulteriormente la mia simpatia per questa città. Ho così unito il lavoro alla passione per il floball che ho voluto portare anche a Milano, una città che ha i numeri per potere fare bene. A Milano voglio infatti ripetere ciò che ho già sperimentato a Firenze. Mi propongo di diffondere la cultura del floball. E con essa creare un movimento a livello nazionale del quale Milano possa assumere la leadership

Centro Formazione a Milano, passo in avanti per la diffusione del floball

Purtroppo ad oggi il floball è presente solo al centro-nord, in parte per una scelta obbligata – dichiara rammaricato Mirko Biasion – Abbiamo preferito concentrarci un una area un po’ più ristretta in modo che non fosse proibitivo per le squadre partecipare agli eventi. Ma è mia intenzione espanderne la presenza su tutto il territorio nazionale. L’avviamento, da quest’anno, dei corsi tecnici federali di formazione, nati dalla collaborazione dei Celtics Milano Floball con Lega Floball Italia e gli staff tecnici di Bombarda Brescia e Hit DogsTorino, e la conseguente creazione di un Centro Formazione a Milano, sono un deciso passo in tal senso

Nuova stagione, formula nuova in arrivo

In questi anni abbiamo giocato la Winter Cup d’inverno e il Torneo Nazionale in tarda primavera, entrambi un versione one-day. Versione che però vogliamo abbandonare, prevediamo di estendere il campionato ad un maggior numero di squadre. Ci piacerebbe partire dal prossimo gennaio con una regolar season che prevedesse una formula a gironi e fase finale con finale secca o, in alternativa, una final four. Pensiamo anche di trasformare, già dalla prossima stagione, la Winter Cup in una Coppa Italia. Lo avremmo fatto quest’anno ma l’emergenza Covid19 ci ha costretto a cambiare programma. Figurarsi che il primo decreto anti-Covid è stato emesso proprio il giorno prima che giocassimo la Winter Cup, che ovviamente non abbiamo disputato

Nazionale, progetto in fieri

In questi primi dieci anni – aggiunge Mirko Biasion – Floball Italia ha creato una base stabile, adesso si tratta di diffondere il floball al centro-sud e moltiplicare il numero di squadre. In modo da gettare le basi anche per un campionato di Serie B. E cominciare a creare un circuito internazionale, al momento il floball è una esclusività italiana. Per il prossimo anno abbiamo già in calendario alcune amichevoli nel Canton Ticino e l’intenzione di sviluppare i nostri contatti con la Slovenia. Anche per dare seguito al progetto, abozzato due anni fa, di costituzione di una squadra Nazionale

Roberto Cuconato e Lorenzo Zorzut, futuri protagonisti in azzurro

Questo autunno nomineremo un tecnico per la Nazionale, tra quelli che avranno conseguito il patentino, e con lui procederemo a fare una serie di clinic volti a selezionare i giocatori che ne formeranno l’organico. Le amichevoli in terra svizzera e slovena saranno l’occasione per testare il progetto, attualmente in fieri. Roberto Cuconato e Lorenzo Zorzut, rispettivamente playmaker e guardia del Celtcis Milano Floball saranno tra i sicuri protagonisti della nostra Nazionale. Altrettanto bene faranno Fabio Gibin e Giacomo Garzaro di Hit Dogs Torino oltre a Daniele Belotti, Guido Bianchetti ed Elisa Scorrano di Bombarda Brescia

Sport inclusivo, le donne giocano alla pari

Siamo convinti che tutto ciò sia possibile – rimarca il presidente di Celtics Milano Floball – Il floball è uno sport fortemente inclusivo. Le squadre possono anche essere miste ma non è prevista la quota rosa. Gioca chi è capace, uomo o donna che sia. La partita si compone di quattro quarti da dieci minuti con intervallo di tre minuti tra un quarto e l’altro e cinque minuti tra il primo e il secondo tempo. L’obiettivo del gioco è andare in meta con passaggi a tutto campo, sia avanti che indietro. Non esiste un tempo massimo per l’azione di gioco ma chi riceve la palla deve bloccarsi senza palleggiare. Il pareggio non è previsto, come nel basket. In tal caso di procede all’overtime per sancire la squadra vincente

I ruoli

La squadra in campo è modulabile a seconda dell’impostazione tattica preferita, al di là dei ruoli che nel floball sono cinque. Per cominciare, un playmaker e una guardia che assomigliano molto a quelli della pallacanestro. Il playmaker gioca alle spalle di tutti, davanti alla difesa presieduta dal catcher, l’estremo difensore che ricorda un libero del calcio vecchia maniera. Una sorta di Franco Baresi, per intendersi. In attacco abbiamo l’opposto che funziona da ala, con compiti più offensivi rispetto alla guardia. Vero fulcro dell’attacco, in difesa è il terzo a tornare. Infine l’avanti, l’attaccante puro

Spazio alle interpretazioni tattiche

Ogni squadra gioca con il proprio modulo, i Leoni di Firenze per esempio utilizzano quello tradizionale. Mentre Bombarda Brescia di solito gioca con due difensori che solitamente non avanzano, due guardie e un catcher. E magari utilizzano un playmaker, un mediano aggiunto e un solo attaccante. Hit Dogs Torino invece non schiera l’opposto ma utilizza due ali pure e una punta più arretrata. In difesa schierano un playmaker e un catcher, la guardia viene sacrificata

Celtics Milano Floball, candidatura a prima squadra della città

Il Covid19 non ci permette di allenarci al chiuso, in previsione della prossima stagione abbiamo cominciato ad allenarci in luoghi aperti in zona Solari o presso la Biblioteca degli Alberi. L’anno scorso abbiamo giocato al Crespi Sport Village ma per la prossima stagione dobbiamo trovare una nuova palestra. In questo momento – precisa Mirko Biasion – valutiamo diverse opzioni, nostro desiderio è rimanere dentro la cerchia urbana di Milano. Chiediamo aiuto alle istituzioni perché ci supportino in questa nostra ricerca, se potessimo arrivare ad avere la nostra nuova casa entro la fine dell’estate potremmo affrontare la nuova stagione con maggiore serenità. Vogliamo reclutare nuovi giocatori e rinforzare la rosa che siamo convinti di poter almeno raddoppiare. Il nostro obiettivo – conclude Mirko Biasion – è far diventare Celtics Milano Floball la prima squadra di Milano e il motore trainante dell’intero movimento in Italia

Avatar
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi