Rachele Somaschini, debutto europeo in chiaroscuro
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Esordio sfortunato per Rachele Somaschini al Rally di Roma Capitale al via per la prima volta in assoluto a bordo della nuova Peugeot 208 Rally4. La portacolori dell’RS TEAM SSD ha iniziato la sua avventura nell’ERC3 Junior 2020 con un comunque positivo sesto posto.

Rally di Roma Capitale

Una gara, quella romana, che si è presentata come sempre piena di insidie. Una prima tappa caratterizzata dalla famosa prova speciale di Pico che, con il suo asfalto abrasivo e le sue stradine strette e veloci, è forse il test più difficile di tutto l’evento capitolino. A seguire le altre due classiche PS “Roccasecca-Colle San Magno” e “Santopadre-Arpino”.Una giornata condizionata dai ritardi accumulatisi a seguito dei tanti incidenti sulle prove, e dal grande caldo, che per Rachele si è rivelata ancora più travagliata a causa di parecchie noie di natura tecnica presentate dalla neonata 208. Un’anomalia allo sfiato della benzina in abitacolo e un problema elettrico hanno rallentato la giovane lombarda nella mattinata di sabato prima che una piccola uscita di strada in un tratto sporco, pur senza conseguenze per macchina ed equipaggio, decretasse ufficialmente la fine della prima tappa per Rachele e la sua navigatrice Giulia Zanchetta.

Seconda tappa

Ripartita per la seconda tappa con la formula del super rally, senza particolari velleità di classifica e con il solo obiettivo di affinare il proprio feeling con la macchina, la pilota di Cusano Milanino si è migliorata prova dopo prova nei nove tratti cronometrati in programma, nonostante un set up non ottimale, dimostrando buoni margini di crescita in vista dei prossimi appuntamenti da cui è attesa.

Le parole di Rachele Somaschini

“Non è stato il debutto che ci aspettavamo. Una gara davvero impegnativa per molte ragioni. Un contesto internazionale del tutto nuovo, la Peugeot 208 Rally 4 da interpretare in gara passo dopo passo, perché avevamo alle spalle solo qualche chilometro di test. Poi abbiamo avuto un sacco di problemi tecnici e commesso qualche errore. E infine un caldo eccessivo per me, che ha reso la guida estenuante. Cercheremo di imparare dai nostri errori e di ottenere prestazioni migliori alla prossima. Siamo fiduciose! Non meno importante, voglio ringraziare il generoso donatore che, durante la gara, ha devoluto 20.000 Euro al progetto #CorrerePerUnRespiro, a sostegno della ricerca sulla fibrosi cistica, che è il mio primario obiettivo nello sport”.

Agenda

Il prossimo appuntamento europeo per Rachele sarà il Rally Liepaja, in programma dal 14 al 16 agosto prossimi. Sarà preceduto dal Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina, round conclusivo del Challenge Raceday Rally Terra 2019/2020 dove è in corsa per il titolo femminile.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi