Rolafer Briantea84 Cantù, ripresa degli allenamenti
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La Rolafer Briantea84 Cantù ha un progetto molto chiaro, ovvero quello di estendere l’idea di gioco del calcio a 7 a tutte le proprie squadre iscritte ai diversi campionati, in quello Figc – Dcps (Federazione Italiana Giuoco Calcio – Dipartimento calcio paralimpico sperimentale) con il Milan for Special targato Briantea84 e nel Csi (Centro Sportivo Italiano) di Como, con sessioni di esercizi improntati all’uniformità in preparazione degli eventi calcistici dell’anno.

Dichiarazioni

Ne ha parlato Giorgio Pagani, responsabile del calcio di Briantea84. “Siamo partiti con l’idea di impostare il calcio a 7 per tutti, guardando anche ai risultati sportivi da conquistare sul campo. Questo cambiamento è servito, è andato bene. Poi la situazione generale non ci ha permesso di avere un riscontro del lavoro svolto negli eventi che avevamo in programma, ma non vedo questo come aspetto negativo. I tornei europei a cui partecipiamo ogni anno servono tantissimo al gruppo. Le trasferte all’estero, dal punto di vista educativo e sportivo, sono le migliori. Abbiamo la possibilità di confrontarci con nuove formazioni, un bello stimolo per aumentare conoscenze e partecipare poi ad altri appuntamenti stagionali”.

Rolafer Briantea84 Cantù in serie C

Luca Brienza, mister della Rolafer Briantea84 Cantù iscritta al campionato Csi, ha fatto un bilancio. “La stagione è stata positiva nonostante la chiusura anticipata. All’inizio ci siamo dovuti adeguare ai movimenti del calcio a 7, poi a febbraio siamo arrivati a giocarcela con tutte. Basti pensare alla sfida contro la seconda in classifica: all’andata siamo stati sconfitti largamente (12-0), ma al ritorno abbiamo tenuto testa con qualità (3-2 poi il finale per gli avversari). Questo è un punto di partenza per l’anno prossimo, le avversarie hanno sicuramente più esperienza di noi, ma tutto è servito per migliorare. I rapporti tra gli atleti si sono consolidati, sono soddisfatto”.

Lockdown

“È stato un ottimo metodo per sopperire al periodo del lockdown, quando non si potevano vedere dal vivo i compagni di squadra. Gli allenamenti sono stati svolti in maniera differente, oltre agli esercizi fisici siamo riusciti a trovarci per scambiarci opinioni, chiacchierare e confrontarci sul periodo storico che stavamo attraversando. Questo è stato molto utile sia per gli atleti che per noi mister, il tutto ha permesso di stare assieme”.

La ripresa

“Il primo allenamento è stato uno spettacolo, aspettavamo questo momento da tantissimo tempo. Esperienza che mi mancava personalmente, il sentire tanta voglia di tornare sul campo. Dobbiamo recuperare la forma tecnico-fisica, ma a settembre riprenderemo con una buona preparazione. Cosa ho notato? Alcuni atleti, grazie agli allenamenti online su Zoom, hanno cambiato il loro approccio diventando più partecipi, mettendosi in gioco. Frutti più che positivi”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi