Summer Challenge: il softball internazionale riparte da Bollate
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Summer Challenge, riparte dall’Italia il softball internazionale. Lo farà il 24 agosto per terminare tre giorni dopo, il 27. E il “quadrilatero lombardo” composto dai diamanti di Bollate, Caronno Pertusella, Legnano e Saronno sarà il teatro del torneo di softball, un camp a cui prenderanno parte le U15 e U18 di Italia e Repubblica Ceca, oltre ai club di casa sui quattro campi. Saranno tutte amichevoli. In osservanza della proroga del DPCM del 14 luglio scorso, non saranno ammessi spettatori, genitori compresi, all’interno degli impianti sportivi durante lo svolgimento del Softball Summer Challange.

Il Summer Challenge va letto come un segnale forte della ESF

Il Summer Challenge è un forte segnale dato dall’European Softball Federation (ESF), che dopo aver rinviato le principali competizioni del 2020, riparte da questo evento. Vitali sono stati gli sforzi congiunti con FIBS, WBSC Europe e la Federazione Ceca. Nessuna lotta per arrivare primi, questo camp sarà un momento nel quale il softball sarà al centro della terra rossa. La pensano così Andrea Longagnani, manager dell’U18 azzurra e Giulio Brusa, alla guida dell’U15. Il primo avrebbe dovuto disputare il Mondiale in Perù (rinviato al 2021), il secondo avrebbe dovuto prendere parte agli Europei di Enschede (Paesi Bassi) spostati al 2022.

L’appuntamento lombardo un ottimo test

“Torno a guidare una nazionale dopo l’esperienza vincente di Trnava con la U22. Questo appuntamento sarà molto particolare: le ragazze hanno ripreso a giocare da poco e i piani sono stati scombinati dal rinvio del Mondiale. In questo momento io e il mio staff stiamo visionando circa 50 ragazze e l’appuntamento lombardo sarà l’occasione per testarne alcune. Anche se giocare con pari età o sotto età sia diverso dai raduni o i Talent Team in cui affrontiamo squadre di A1. Di positivo c’è il fatto che molte di queste ragazze, sfruttando la quasi totale assenza di straniere e la cancellazione delle retrocessioni, stanno trovando continuità anche nel massimo campionato. Questo certamente ci dà una grossa mano anche nello scouting”, ha rimarcato Longagnani.

Brusa: queste gare vanno al di là del risultato

Mentre Anche Brusa ha tracciato la strada per le U15 in vista dell’Europeo in programma tra due anni: “Questa opportunità è molto importante vista l’assenza di tornei per il 2020-21. Durante i Talent Team abbiamo utilizzato 20/22 ragazze ed in questo appuntamento ne avrò 17 a disposizione che hanno bisogno di giocare. Quando ti trovi ad incontrare atlete di età maggiore si nota la differenza, noi coach dobbiamo essere bravi a far capire loro che l’importanza di questi incontri va al di là del risultato. Sarà bello ritrovare “da avversarie” molte delle ragazze che ho guidato nella ex-U16”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi