Legnano Basket, Musa è il futuro
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Nuovo acquisto per il Legnano Basket. Si tratta di Musa Janha, un investimento a lungo termine per la società lombarda. Il giovane gambiano classe 2004 è alto 194cm e ha parenti a Borgomanero. Musa arriva con una certezza, quella di poter avere una chance qui in Italia. In tal senso ha voluto sfruttare la possibilità di avere il passaporto italiano per ampliare le possibilità di carriera. Per ora Musa si trasferirà a Legnano allenandosi stabilmente con la Serie C.

Per Musa la U18 e la C

I piani del Legnano sono già chiari. Musa giocherà la U18 ABA e farà parte del roster della serie C dei Knights per le prossime due stagioni. Mentre per le due successive, dovrebbe passare alla Sangiorgese per confermare i propri miglioramenti e ottenere lo status di giocatore italiano. Nelle ultime stagioni Musa ha giocato in Spagna nelle file dell’Iberostar Canarias e dell’AD Torrelodones, società che disputano i campionati nazionali giovanili. Dopo essere stata MVP delle finali U15 del 2018/2019 e inserito nel quintetto ideale, si è fatto anche notare per aver segnato 47 punti nella gara di finale contro i parità del Barcellona.

Basilico: “Musa è la conferma che vogliamo investire”

“E’ la prima volta che Legnano fa un’operazione di questo tipo. Questo dimostra la volontà della società di proseguire ed investire puntando su un ragazzo dal grande potenziale. E’ un giovane molto intelligente che parla già fluentemente spagnolo, inglese e francese. Personalmente l’ho visto ad inizio estate per alcuni allenamenti che ha sostenuto con noi e devo dire che sembra avere dei margini impressionanti di crescita”, ha sottolineato Maurizio Basilico, general menager del Legnano Basket. “Al momento – ha proseguito il dirigente – è un atleta di altra categoria, ma deve ancora migliorare tecnicamente, cosa che è stata il grimaldello suo e nostro per trovare un accordo sui prossimi 4 anni. Musa sarà vincolato a noi e avrà un percorso di sviluppo personalizzato che lo metterà in condizione di diventare italiano, passando dall’essere un possibile protagonista in C e poi in B, non trascurando l’iter scolastico di cui saremo supervisori. Una nuova sfida per la crescita della nostra società che ha messo l’asticella ancora un po’ più in alto”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi