Milano Quanta, Mattia Mai: “Importante ripartire, tanto da fare”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Giovedì è andata in scena la presentazione ufficiale della stagione corsistica e agonistica 20/21 del Quanta Club. A margine della conferenza, abbiamo intervistato Mattia Mai, portiere del Milano Quanta di hockey inline e anche responsabile giovanile dell’hockey e del pattinaggio.

Le parole di Mattia Mai

Era importante ripartire. Non è stato facile star fermi tanto tempo, c’era il rischio di perdere fiducia. Le prime due partite, vinte in casa di Asiago e di Piacenza, sono andate bene. Oggi finalmente torneremo a giocare in casa, contro il Cus Verona. Il calendario è molto fitto, aiuta a riprendere il ritmo e l’attitudine giusta. Non mi piace parlare degli avversari, le rivali si saranno anche rinforzate ma dobbiamo pensare a noi. Se facciamo bene non serve guardare gli altri”.

Milano Quanta, la scorsa stagione

“C’è poco da dire, eravamo sulla strada giusta quando è stato fermato tutto. E’ andata così, voltiamo pagina e riconcentriamoci subito sui nuovi obiettivi che poi sono sempre gli stessi. A livello di squadra siamo quasi invariati, ci conosciamo bene e non pensiamo più all’occaasione mancata, non per colpa nostra”.

Non solo prima squadra

Ho tante cose da fare. E’ come quando da bambino giocavo con Football Manager. A volte è stressante ma la mia compagna mi aiuta. Bisogna di fatto stare concentrati sul lavoro per dieci mesi all’anno ma il supporto della società è importantissimo. Con il settore giovanile abbiamo avuto un ottimo riscontro. Di fatto non ci siamo mai fermati, grazie allo smarthockey che ci ha permesso di allenarci tutta la settimana e tenere insieme i ragazzi. Stiamo ripartendo con le finali del campionato scorso, una bella iniziativa che ha dato a tutti la giusta carica. Gli Under 12 sono già alla Final Four che giocheremo in casa e in questo weekend toccherà all’Under 16 giocarsi la chance di qualificazione. Il morale è alto”.

Milano Quanta al Femminile

“Quella della squadra femminile è una suggestione a cui stiamo lavorando. Il potenziale è enorme, anche perchè abbiamo tante ragazzine che sono forti, anche più dei compagni maschi. Quando si arriva a livello senior fanno più fatica, provano a cambiare squadra o ad andare in Svizzera e poi smettono. Proveremo ad offirire questa possibilità, è solamente l’inizio e sono sicuro che ce la faremo”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi