Powervolley Milano: Kozamernik, tra bugie e verità (nascoste)
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Sono strane le parole di Jan Kozamernik, secondo il quale sono due punti guadagnati per l’Allianz Powervolley Milano quelli maturati nel 3-2 rifilato mercoledì mercoledì all’Allianz Cloud alla Consar Ravenna. Condivisibili, per quanto visto in campo e per tutto quello che ha mostrato finora la truppa romagnola di Bonitta; ma allo stesso tempo distanti da quella che, almeno sulla carta, dovrebbe essere la dimensione di Milano.

Le ambizioni della Powervolley Milano e di Kozamernik

Perché se in due partite casalinghe contro Vibo Valentia e Ravenna ottieni solo due punti, allora qualcosa non va. Il successo di domenica sul campo di Modena aveva un po’ attenuato il tutto, ma considerando l’attuale rifondazione che sta vivendo la formazione di Giani (che in casa aveva perso la settimana prima anche contro la Vero Volley Monza) forse è un successo che va ridimensionato in un’ottica più ampia.

Verona e Civitanova per tornare a stupire

Le prossime due sfide di campionato, però, potrebbero dare qualche indicazione in più. Perché domenica, all’Allianz Cloud arriverà quella Verona già sconfitta nel mini girone di Coppa Italia. Ed avversario tutto sommato abbordabile (si comincia alle ore 18), mentre domenica prossima ci sarà una delle trasferte più dure dell’anno, a Civitanova. Lì dove l’anno scorso i ragazzi di Piazza stupirono. Portando a casa una vittoria al tie break che avrebbe potuto significare molto sull’intera stagione (poi saltata a causa del covid).

Bicchiere mezzo pieno, ma troppi passi falsi

Il bicchiere, ad oggi, è sicuramente mezzo pieno in casa Allianz Powervolley Milano. Perché quattro vittorie su cinque partite disputate ed il terzo posto in solitaria in classifica a quota 11 punti, dietro Perugia (15) e la stessa Civitanova (14) fa piacere. Ma il tifoso che riavvolge il nastro e torna con la mente al ko contro Vibo Valentia e al sofferto 3-2 contro Ravenna, non riesce proprio a capacitarsi dei punti persi per strada. Per fortuna che, ad oggi, di turni infrasettimanali in calendario non ce ne sono più. “Sono due punti guadagnati, non si parla mai di punti persi – il commento di Jan Kozamernik sul 3-2 a Ravenna dobbiamo però stare più tranquilli in certe situazioni. Questa squadra può crescere da questo punto di vista”. Ed è quello che sperano tutti, perché il progetto sportivo, con un po’ più di convinzione, può essere davvero vincente. E ora sotto con Verona: “Sarà un’altra partita importante – conclude il centrale sloveno – dobbiamo rimettere la testa a posto”.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi