Centro Kennedy: lavori al palo ed elezioni, quando si farà chiarezza?
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Non c’è pace per il povero Centro Kennedy di via Olivieri a Milano, quella che dovrebbe diventare la casa del baseball. Lì dove gioca il Milano Baseball, la società più antica d’Italia, che sul campo quest’anno ha conquistato la promozione in Serie A2. E lì dove, stante le parole spese negli ultimi anni, dovrebbe nascere un polo per baseball e softball per tutto il nord Italia.

Centro Kennedy, tutto partì con la convenzione del 2017

La storia del Centro Kennedy è tristemente nota. Ed è l’esempio di come la burocrazia, tra federazioni ed enti comunali, spesso sappia crearsi da sola più danni che altro. La prima svolta il 31 luglio 2017, quando l’impianto venne ceduto dal Comune alla FIBS, la Federazione Italiana Baseball e Softball. Con una convenzione nelle mani della suddetta federazione per 15 anni. Come dire: tanto tempo per programmare e fare.

L’agibilità della struttura, ma non solo

Da quel momento era partita la corsa per portare il centro ad essere agibile nel minor tempo possibile. Si era parlato, in quell’occasione, di almeno 24 mesi tra assegnazione dell’appalto e lavori. Sono passati più di tre anni e la situazione è tutt’altro che risolta, anzi. Perché i lavori non sono partiti e c’è la più che concreta possibilità che a marzo, quando ricomincerà la stagione (covid permettendo), si possa assistere ad un’altra annata senza spogliatoi a disposizione, oltre al dilatarsi dei tempi di messa in sicurezza. Finora si è assistito alla sistemazione del terreno, parziale perché bloccata dal lockdown, prima della seconda semina del campo esterno. Che, a conti fatti, non era proprio la cosa più importante da fare nell’immediato.

Il bando e la volontà di non decidere

Lo scorso 31 luglio la FIBS annunciava, con una nota apparsa sul proprio sito ufficiale. “In conformità a quanto statuito dalla Delibera di Consiglio Federale n. 125 del 23 luglio 2020, la Federazione Italiana Baseball Softball ha pubblicato sulla propria piattaforma di e-procurement l’avviso di indagine di mercato al fine di individuare gli operatori economici da invitare alla procedura negoziata, da svolgere ai sensi dell’ art. 1, comma 2, lett. b) D.L. 16 luglio 2020 n. 76 in deroga al D.Lgs. 18.04.2016 n. 50, per l’affidamento della realizzazione dei lavori di manutenzione straordinaria del Centro Sportivo Kennedy, ubicato in Milano in Via Olivieri n. 15. L’indagine di mercato viene avviata a scopo esclusivamente esplorativo (nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, trasparenza, parità di trattamento) e pertanto non vincola in alcun modo la Federazione nei confronti degli operatori che manifesteranno interesse, non trattandosi di avviso di gara o procedura di gara”. C’è da ricordare che la manutenzione straordinaria del Centro Kennedy è a carico di Fibs e Comune, con quest’ultimo che già nel 2014 si era impegnato con un fondo da 500mila euro.

Centro Kennedy? Ci sono le elezioni, meglio rinviare

L’ultima notizia a riguardo arriva a margine della seduta numero 50 del Consiglio Federale presieduto dalla presidenza di Andrea Marcon, rigorosamente in videoconferenza visti i restringimenti dell’ultimo DPCM. E qui si legge che “… Per la nomina della Commissione per l’assegnazione dei lavori al Kennedy, il Consiglio Federale ha ritenuto opportuno rinviare la decisione alla nuova legislatura per non impegnare il prossimo consiglio che verrà eletto il 7 novembre… Il prossimo ed ultimo appuntamento del Consiglio Federale della legislatura è stato fissato per il 6 novembre, vigilia dell’assemblea elettiva”. A pensare male si fa peccato, ma ogni tanto ci si azzecca. C’è da chiedersi se le elezioni alle porte non abbiano influito negativamente sul futuro del Centro Kennedy. Al contrario, forse, sarebbe potuta essere una carta elettorale da giocarsi al tavolo. A questo punto non resta che aspettare per vedere chi verrà eletto tra il presidente uscente, Andrea Marcon, e Massimo De Luca. Con il secondo che, a Milano, si è visto quando ha presentato la sua squadra al completo.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

1 thought on “Centro Kennedy: lavori al palo ed elezioni, quando si farà chiarezza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi