Powervolley Milano: vittoria 3-2 a Padova, ma è un punto perso
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Un altro punto perso. Male, nonostante una partita dominata per lunghi tratti e che ha visto l’Allianz Powervolley Milano legittimare l’ampio divario tra le parti. La vittoria per 3-2 maturata sul campo della Kioene Padova non può far sorridere la truppa di coach Roberto Piazza, capace di incasinarsi da sola la vita anche quando la partita sembrava decisamente in pugno. E, come già accaduto altre volte (non solo in questa stagione, ma anche nello scorso di quella passata che si è potuta giocare), non chiudere quando dovuto. 

Powervolley Milano, qualcosa non va

Perché se il primo e soprattutto il terzo set sono stati a senso unico, con l’Allianz Powervolley Milano capace di dominare due parziali dove mai c’è stata storia, è il quarto il tasto dolente del match di stasera. Lì dove Milano prima scappa, poi si scioglie come neve al sole e manca l’appuntamento con la storia. Quello che le avrebbe permesso di chiudere il match e non dover protrarre il match all’agonia di un quinto set dove, ancora una volta, non c’è stata storia.

Manca la mentalità giusta

Manca la mentalità giusta, ai ragazzi di coach Roberto Piazza. Sia ben chiaro, la squadra è nuova e ancora risente di un’amalgama che in campo si percepisce ma dove manca probabilmente il leader di turno. Quello sotto il quale riunirsi nei momenti topici. Quello che l’anno scorso è stato Nimir e quest’anno, finora, non è stato nessuno. E pare incredibile dover parlare di punto perso al termine di un match dove i parziali a favore dell’Allianz Powervolley Milano sono stati schiaccianti (25-16, 25-15 e 15-11 al tiebreak). E dove si sono visti ben quattro giocatori in doppia cifra, con Maar (19 punti) secondo solo a Stern.

Ora contro Trento e Nimir

Dovrà riflettere sull’accaduto, coach Roberto Piazza. Che cercherà anche di trovare la giusta amalgama e la giusta concentrazione per il match di domenica prossima, quello che metterà di fronte i meneghini a quella Trento guidata dall’ex di turno, quel Nimir che, ad oggi, ha lasciato molti rimpianti in casa Allianz Powervolley Milano. Perché finora, di suoi eredi, non se ne sono ancora visti dalle parti dell’Allianz Cloud. Sempre che la gara si disputi, visto che la società trentina aveva annunciato la positività al covid, riscontrata giovedì 5 novembre, di Luis Sosa Sierra e Salvatore Rossini, che si erano andate ad aggiungere a quelle già verificate martedì 3 da Dick Kooy e dell’Assistant Coach Mattia Castello. Con la conseguente gara contro Vibo Valentia, in programma oggi, rinviata a data da destinarsi.

Kioene Padova-Allianz Powervolley Milano 2-3, tabellino

KIOENE PADOVA-ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO 2-3 (16-25, 25-21, 15-25, 25-18, 11-15)

KIOENE PADOVA: Ferrato, Merlo, Stern 23, Vitelli 6, Shoji 3, Volpato 7, Bottolo 16, Milan 4, Casaro, Wlodarczyk 10, Danani (L). N. E. Canella, Fusaro, Gottardo (L). All. Cuttini

ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: Basic 9, Kozamernik 10, Daldello, Sbertoli 1, Maar 19, Weber 1, Patry 11, Piano 8, Mosca 1, Ishikawa 17, Pesaresi (L). N. E. Staforini, Meschiari. All. Piazza

Arbitri: Brancati – Goitre. Terzo Arbitro: Angelucci. 

Impianto: Kioene Arena di Padova. 

Durata set: 24’, 31’, 22’, 26’, 19’

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi