Powervolley Milano, Sbertoli: “Tanti sacrifici per tenere viva la pallavolo”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La Powervolley Milano è concentrata al prossimo appuntamento di Superlega, in programma il 15 novembre a Trento contro l’Itas Trentino. Ma le riflessioni vanno anche oltre. Ovvero alla convivenza con la pandemia.  A parlare del tema sono Riccardo Sbertoli e Matteo Piano. “Stiamo facendo tanti sacrifici. Ma vogliamo andare avanti perché è il nostro sport e ci piace”. Analizza il regista milanese. Dello stesso pensiero è il capitano di Milano: “Questa è una pallavolo che tira avanti perché è tignosa. E’ una pallavolo che ha bisogno di rimanere viva”.

Sbertoli: “Contro il Padova potevamo fare meglio”

A Trento domenica 15 novembre la Powervolley Milano scende in campo per la 10a giornata di campionato contro l’Itas Trentino. Ma come arriva Milano a questo incontro crocevia per il cammino in Superlega? Milano arriva forte del successo di Padova. “Sono felice – afferma Riccardo Sbertoli – per i due punti fatti e per la vittoria. Perché vincere aiuta a vincere. Abbiamo fatto una gara a due facce. Abbiamo giocato un ottimo primo set, mentre nel secondo ci siamo spenti. Ci è mancato un po’ di ritmo perché eravamo fermi da 14 giorni. Sicuramente potevamo fare meglio. Questo lo sappiamo”.

Matteo Piano: “Gioisco delle piccole cose”

Oltre l’analisi tecnica, Sbertoli parla anche della pandemia: “Stiamo facendo un sacco di sacrifici. Vogliamo continuare ad andare avanti perché è il nostro sport e ci piace”. Gli fa da eco Matteo Piano, capitano del team milanese: “Questa è una pallavolo che tira avanti perché è tignosa. Fino ad oggi siamo un esempio come sport perché stiamo portando avanti dei protocolli sportivi eccezionali”. Piano prosegue concludendo: “Siamo in un momento difficile come è difficile in tutto il mondo. Quello che punto a fare è gioire delle piccole cose, anche perché il lockdown che ho vissuto in primavera per me è stato duro”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi