Teamservicecar Monza, atleta positivo al Covid
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Davide Nadini del Teamservicecar Monza è positivo al Covid-19. L’atleta in isolamento al proprio domicilio da 17 giorni, ha sintomi lievi, come la mancanza di gusto e di olfatto. Per questo motivo il Teamservicecar HRC Monza ha precauzionalmente sospeso gli allenamenti, tenendo a riposo tutti i giocatori. Due episodi arrivati dopo le problematiche relative ad Andrea Borgo e Edoardo Lanaro, la cui negatività è giunta solo il 1 novembre. Ovvero, il giorno seguente alla sfida con il Follonica.

La tutela del gruppo davanti a tutto

La tutela del gruppo in un momento così difficile è stata, da subito, il fattore scatenante che ha portato alla richiesta di rinvio della gara con il Follonica e della seguente sfida con il Valdagno. Quest’ultimo posticipo per la chiusura del Palasport disposta dal Comune di Biassono. Comunque, una scelta positivamente accolta vista situazione epidemiologica che ha colpito la zona della Brianza. Gli allenamenti verranno ripresi gradualmente, con ancor una maggiore attenzione verso i ragazzi. Saranno acquistati diversi stock di tamponi rapidi da sottoporre ai giocatori prima degli allenamenti. Un atto che garantirà un maggiore standard di sicurezza in aggiunta alle nuove procedure della FISR, che prevedono un tampone “preventivo” prima di ogni gara.

Le Federazione introduce lo screening settimanale

La Federazione Italiana Sport Rotellistici introdurrà l’uso dei tamponi rapidi la sicurezza dei tesserati impegnati nei campionati di hockey su pista e hockey inline. Una situazione difficile da gestire che rischiava di diventare insostenibile in tempi molto brevi. Per questo motivo, la FISR attraverso il presidente Sabatino Aracu ha comunicato l’introduzione dello screening settimanale obbligatorio con i tamponi rapidi. Dunque, i tesserati (atleti, tecnici, dirigenti e arbitri) potranno prendere parte ad una gara soltanto se risulteranno negativi al tampone rapido da effettuare il giorno precedente alla partita. Questa nuova regola ha due obiettivi. Il primo alzare il livello di sicurezza dei campionati. Il secondo ridurre al minimo il rinvio delle partite, garantendo maggiore regolarità. Il reperimento sul mercato dei tamponi rapidi, le modifiche ai protocolli gare e alle normative e la messa a regime del meccanismo di screening richiederà circa un mese di tempo. Da qui la decisione di sospendere, nel frattempo, tutte le attività agonistiche.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi