Powervolley Milano, un altro ko: ora niente è più sicuro
Ti piace questo articolo? Condividilo!

L’Allianz Powervolley Milano ha perso 3-1 contro la Sir Safety Conad Perugia nel recupero dell’ottava giornata di Superlega. Il match non si era disputato lo scorso 1 novembre causa le molte positività al covid tra gli umbri. La formazione perugina, che proveniva dalla sconfitta di due giorni fa contro Monza (la prima in campionato) è rimasta in Lombardia per recuperare dopo le energie spese e preparare al meglio il confronto. Questa sconfitta mette in seria difficoltà la formazione meneghina, che dopo un intero girone al terzo posto rischia ora di vedere compromesso tutto il lavoro fin qui svolto.

Primo set, l’Allianz Powervolley Milano c’è

Pronti via e si capisce subito che la partita sarà estremante equilibrata. Si rimane in situazione di parità, con rispettivi tentativi di fuga, fino al 15-15, quando un ace di Ishikawa lancia l’Allianz Powervolley Milano avanti. Il break decisivo arriva dopo il ritorno in campo dal time out chiesto da Perugia, con Milano che piazza un parziale di 3-0 e si lancia sul 21-19 con la diagonale Sbertoli-Maar. Da lì è un continuo crescendo e il set si chiude sul 25-21 con il punto di Ishikawa su un muro a tre.

Il ritorno di Perugia

Il secondo set si gioca ancora punto a punto fino al 15-15, quando un mini break di Perugia consente agli umbri di portarsi avanti di due punti (16-18). L’Allianz Powervolley Milano prova a rimanere in gara (19-20) ma si scioglie nel finale come neve al sole. Sul 19-23 Piazza prova le carte Weber e Daldello, ma la situazione non cambia. E Perugia chiude il parziale sul 20-25 in suo favore.

Milano non sfrutta gli errori degli avversari 

Anche il terzo set risulta molto equilibrato. Un parziale contraddistinto da un video check lunghissimo per un’invasione di Plotnytskyi che portava l’Allianz Powervolley Milano sul 6-4. E un problema tecnico sul 16-18 per Perugia nel tabellone segnapunti. In generale, però, Milano ha commesso errori stupidi e non ha saputo sfruttare quelli di Perugia. Sul 20-21 paura per un possibile problema fisico a Kozamernik, che continuava comunque a giocare. Da lì i milanesi scompaiono, proprio come nel secondo parziale, e cedono 21-25.

Quarto set estremamente emozionante, con entrambe le squadre che sognano l’allungo decisivo ma subiscono, a turno, il ritorno dell’avversario. Si arriva fino al 18-18, poi Perugia si porta in avanti. Maar tocca la rete e fa invasione e consente il +2 agli umbri. Kozamernik sbaglia l’attacco e Perugia vola su 18-21. Milano riesce a rientrare in partita fino al 22-23, ma Ishikawa spedisce fuori la battuta e consegna, di fatto, la partita a Perugia. Finisce 25-22 e 3-1 per gli umbri.

Allianz Powervolley Milano- Sir Safety Conad Perugia 1-3, il tabellino

Allianz Powervolley Milano- Sir Safety Conad Perugia 1-3 (25-21, 20-25, 21-25, 22-25)

ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: Basic 13, Kozamernik 6, Daldello, Sbertoli 1, Maar 18, Weber 1, Piano 9, Ishikawa 16, Pesaresi (L). N.E. Meschiari, Mosca, Staforini. All. Piazza

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Ricci 6, Vernon, Travica, Ter Host 7, Leon 27, Zimmermann, Solé 10, Russo 2, Atanasijevic 8, Plotnytskiy 8, Piccinelli (L), Colaci (L). N.E. Sossenheimer, Biglino. All. Heynen

ARBITRI: Pozzato-Venturi

DURATA SET: 25′, 29′, 41′, 35′

MVP del match: Leon (Perugia)

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi