Ti piace questo articolo? Condividilo!

Un rassicurante +15 si è trasformato in un pianto greco per l’Olimpia Milano, sconfitta al Forum 77-80 dal Panathinaikos nella dodicesima giornata di Eurolega. Per l’Olimpia era la decima partita, conclusa in volata a favore degli ateniesi in una delle classiche del basket europeo. Il record della squadra di Ettore Messina rimane positivo, 6 vittorie e 4 battute d’arresto, ma il match può essere tranquillamente derubricato come occasione persa per le Scarpette Rosse. Milano nel terzo e nel quarto periodo ha incassato ben 50 punti e nell’ultimo periodo ha segnato appena due canestri dal campo. Un cambio di rendimento vorticoso rispetto alla prova pressoché perfetta sciorinata sino all’intervallo lungo.

Olimpia Milano, una sconfitta che sa di ex

Un apporto fondamentale alla vittoria del Panathinaikos è stato dato dai tre ex Olimpia. Per Aaron White (breve e non certo memorabile parentesi in biancorosso nella scorsa stagione) 9 punti e 10 rimbalzi. Lo stesso dicasi per Shelvin Mack, arrivato nell’estate del 2019 dopo anni di Nba per spostare gli equilibri a Milano, ma già lo scorso gennaio avveniva la risoluzione del contratto. Per il play di Lexington, ieri, 8 punti, 5 assist. Il top scorer del match con 16 punti (insieme al biancorosso Kevin Punter) è stato poi Nemanja Nedovic, che nel suo biennale percorso a Milano è stato troppe volte limitato da problemi fisici. Nei momenti complicati l’AX Armani Exchange non ha potuto opporre agli avversari la classe di Sergio Rodriguez, fermato ai box da noie muscolari.

Ed ora c’è il derby di Varese

Da una classica della pallacanestro continentale ad un “superclassico” italiano. Il derby di Varese (domenica a Masnago, ore 17.30) farà tornare l’Olimpia Milano in clima campionato, dopo la pausa dello scorso week-end per gli impegni delle Nazionali. Milano è in testa e imbattuta dopo nove giornate, mentre l’Openjobmetis ha un bilancio sinora di quattro successi e cinque battute d’arresto. Per l’AX Armani Exchange attenzione ad un altro ex, l’infinito Luis Scola, 41 anni il prossimo 30 aprile e ancora in grado di predicare pallacanestro.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi