Ti piace questo articolo? Condividilo!

Ai Mondiali di Cortina 2021 il primo grande evento degli sport invernali in era Covid sta per iniziare. Fondazione Cortina 2021 è, infatti, al lavoro da mesi sulla possibilità di un evento senza pubblico, anche per assicurare la massima sicurezza a tutti i partecipanti. Uno scenario, quello dell’assenza di pubblico, preso in considerazione dal Comitato organizzatore. Che, di fatti, ha messo a punto un protocollo sanitario dettagliato ed investendo, inoltre, nella comunicazione digitale e televisiva della manifestazione.

Cortina 2021, il via libera del CTS un segnale di fiducia

La decisione del CTS di far svolgere i Mondiali di Cortina è un importante segnale di fiducia nel lavoro fin qui svolto. L’assenza di pubblico generico comporta del rammarico per il territorio e l’evento stesso, ma, alla luce della precaria situazione sanitaria, era uno degli scenari già noti. Pertanto Fondazione Cortina 2021 prosegue incessantemente il suo lavoro di preparazione del grande evento a meno di un mese dalla cerimonia di apertura prevista il 7 febbraio, alle ore 18 in diretta su Rai2.

Al via l’App per i Mondiali di sci alpino

In questo contesto di pandemia è ancora più fondamentale l’utilizzo del digitale e della promozione televisiva nazionale e internazionale dell’evento. Attraverso la collaborazione con Infront Sports&Media ma non solo, i Mondiali saranno fruibili a tutti. Tribune virtuali, virtual media centre, streaming e contenuti esclusivi sull’App di Cortina 2021 e nuovi progetti con le tv. Questi sono alcuni degli strumenti attraverso i quali sarà possibile godere dell’evento iridato.

Ogni sforzo per garantire la sicurezza

“Accogliamo con rispetto le indicazioni del CTS in merito al protocollo anticovid da seguire per i Campionati del mondo di sci alpino”. Le prime parole di Valerio Giacobbi, amministratore delegato di Fondazione Cortina 2021. “Faremo ogni sforzo – spiega Giacobbi – per garantire la piena sicurezza degli atleti e di quanti saranno coinvolti nella manifestazione mondiale. Siamo dispiaciuti per l’assenza di pubblico. Ma allo stesso tempo entusiasti di mettere in piedi un evento ancora più sfidante, e non per questo meno spettacolare. Si tratta di una grande responsabilità.

Avremo i riflettori del mondo puntati addosso. Ma è una sfida che abbiamo il dovere di vincere come Paese. Renderemo onore all’Italia e porteremo le bellezze di Cortina e delle Dolomiti alla ribalta internazionale. Già da mesi stiamo lavorando a questo scenario. Siamo pronti a far gustare il grande evento a tutto il pubblico internazionale, tramite innovazioni digitali e una produzione TV di altissimo livello”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi