Giacomo Olzer: dalla pallavolo al Milan; Kakà, Cr7 e… Ilicic
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Giacomo Olzer, un ragazzo poco social. Il classico che quando lo vedi dici: “E’ uno con la testa sulle spalle”. Olzer è l’ennesimo prodotto del settore giovanile del Milan che ha esordito in prima squadra. L’ha fatto martedì sera, nel match di Coppa Italia contro il Torino, subentrando al minuto 105 a Brahim Diaz. Qualche buon movimento, un tiro da fuori e poco più. Il tempo a disposizione non era molto ma Olzer ha provato a sfruttarlo. Perché sa che in questo Milan c’è possibilità di crescere. E basta guardare il tabellino della già citata sfida contro i granata per accorgersi di questo: tra panchinari e titolari, erano ben otto i giocatori cresciuti nel settore giovanile rossonero presenti alla sfida (i fratelli Donnarumma, Calabria, Olzer, Di Gesù, Mionic, Michelis e Colombo).

Giacomo Olzer, la sua storia

La sua storia, però, è di quelle che ti fanno capire come a volte lo sport sia strano e affascinante allo stesso tempo. Da piccolo Giacomo Olzer, nato a Rovereto, alternava gli allenamenti di calcio a quelli di pallavolo. E difatti, nel suo curriculum sportivo, figurano anche anni trascorsi nelle giovanili del Trentino Volley, lì dove vinse addirittura il titolo regionale Under 13 3×3, disputando le finali nazionali di categoria ad Ascoli Piceno nel 2014. E il calcio. Gli inizi con Pomarolo e Rovereto, in contemporanea a quelli di volley, lo spingono verso il Chievo e da lì, a 13 anni suonati, al Milan. Dopo 36 gol in 30 gare coi Giovanissimi del Mori Santo Stefano, mica male.

Il no a Juventus, Inter e Barcellona

Classe 2001, grande fisicità, piedi fini e ottima visione di gioco, il suo nome era finito sul taccuino di tanti, anche di Juventus, Inter, Roma e Barcellona. Squadre che hanno ricevuto tutte un secco no: “Quando ero al Chievo mi han chiamato un po’ di squadre e alla fine ero indeciso tra Milan e Juventus – ha ammesso tempo fa in un’intervista a Pianeta Milan erano quelle con i progetti migliori. Mi avevano chiesto di fare uno stage anche a Barcellona, ma avevo già deciso e non ci sono andato.  Ho optato per la squadra dei miei sogni. Ho scelto di cuore. Ho sempre tifato Milan e ho coronato un sogno”. Già, perché Giacomo oggi indossa la maglia della squadra per la quale tifa da sempre.

L’idolo Kakà, l’ispirazione Cristiano Ronaldo

Sulla trequarti si sente a suo agio. In molti lo paragonano a Ilicic ma lui si ispira a Cristiano Ronaldo: “Ma è lo zio atalantino che mi paragona a Ilicic – la sua ammissione – il mio idolo è sempre stato Kakà e giocare nello stadio in cui ha giocato devo dire che mi ha emozionato molto”. Già, l’esordio in prima squadra: “Ero molto carico. Era una serata che aspettavo da tempo. È stato il coronamento di un sogno perché sono milanista da bambino”.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi