Milan-Atalanta: il ritorno dell’invincibile armata
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Milan-Atalanta, il ritorno dell’invincibile armata. O quasi. Ancora poco più di 48 ore e il Milan tornerà in campo per difendere il suo primo posto in classifica. Ma la gara di sabato a San Siro contro l’Atalanta (ore 18) paradossalmente offrirà un Diavolo molto diverso rispetto a quello visto recentemente. Perché in un sol colpo Pioli si ritrova con un Mandzukic in più (CLICCA QUI PER LEGGERE LE SUE DICHIARAZIONI DI PRESENTAZIONE) in più e riabbraccia Rebic, Krunic e Theo Hernandez.

Milan-Atalanta, Pioli ritrova Rebic, Krunic e Theo Hernandez

I primi due sono risultati negativi al test anti-covid di oggi, mentre per il terzo si è trattato di falsa positività. Il tutto con, sullo sfondo, una vera e propria corsa contro il tempo per concedere al tecnico anche quel Tomori che potrebbe puntellare maggiormente una difesa che spesso ha vissuto in emergenza.

La giornata di Mandzukic

Oggi, però, è stata la giornata di Mario Mandzukic. che si è presentato ufficialmente a tifosi e stampa e che ha ribadito, come se ce ne fosse bisogno, che è sbarcato al Milan per vincere qualcosa di importante: “Sa fossi soddisfatto di arrivare in Champions senza vincere lo Scudetto? Chi mi conosce sa l’ambizione che ho”. Una frase che ha ribadito l’importanza della mentalità, oltre che della cattiveria, che oggi regna sovrana nel Milan. Una mentalità da vincente, come quella che porta in dote il croato, uno che ha vinto tutto quello che c’era da vincere in carriera: “E’ importante per me essere pronto per la squadra e fare tutto il bene possibile – ha proseguito Mandzukic – se i giovani vorranno seguirmi, sarò felice”. L’ex Juventus sabato potrebbe sedere già in panchina per la sfida contro gli orobici di Gasperini (“Io sono qui per essere pronto in ogni momento in cui ce ne sarà bisogno, se giocherò dipenderà dal mister”) e provare a mettere paura agli avversari insieme a Ibrahimovic, all’occorrenza: “Abbiamo tante gare nelle nostre gare io e Zlatan e sappiamo come vanno le cose nel calcio. È anche importante incutere soggezione e timore e combattere per il club come fa Zlatan e gli altri. Sono pronto”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Ancora fuori Gabbia, Romagnoli squalificato

Gli unici indisponibili per il match di sabato contro l’Atalanta saranno Gabbia e Romagnoli in difesa con Kjaer alle prese, però, con una lombosciatalgia che non gli lascia pace. Ad oggi in campo potrebbe esserci l’inedita coppia di centrali composta da Kalulu e Musacchio, motivo per il quale la dirigenza sta provando ad accelerare i tempi per l’arrivo di Tomori dal Chelsea.

Calciomercato Milan, arriva Tomori

Il giocatore è pronto a diventare un nuovo calciatore del Milan e, dopo l’apertura del Chelsea alla cessione in prestito del difensore inglese, la trattativa è in dirittura d’arrivo. I club stanno ragionando sugli ultimi dettagli relativi alla cifra del diritto di riscatto: il Chelsea voleva fissarlo a 30 milioni di euro, il Milan con un lavoro accurato negli ultimi giorni ha strappato un prezzo più basso. E, alla fine, dovrebbe riservarsi la possibilità di riscattarlo a fine stagione per 22-23 milioni di euro. 

Torna Krunic, ancora fuori Bennacer

In mediana mancherà ancora Bennacer ma il ritorno di Krunic offrirà una pedina in più a Pioli, che potrà scegliere tra Tonali, Kessie, lo stesso Krunic e Meité. In fase offensiva, assente lo squalificato Saelemaekers e Calhanoglu, out causa covid, toccherà ancora una volta a Diaz agire dietro le punte. Ai suoi lati Castillejo, Rebic e Leao si giocano due maglie; mentre in avanti, nonostante l’arrivo di Mandzukic, non c’è dubbio che il titolare sarà ancora una volta Ibrahimovic.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi