Coppa Italia: Powervolley Milano ko, ma lo sapevamo già
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Tutto come previsto, l’Allianz Powervolley Milano saluta la Coppa Italia 2020/2021 dopo il 3-0 patito alla BLM Group Arena di Trento contro l’Itas. Tutto come previsto, verrebbe da dire. Troppo forti Nimir e compagni, che viaggiano a gonfie vele, per la martoriata banda di coach Piazza. Che ora, però, potrà concentrarsi sul campionato e tentare di risalire la china nelle ultime giornate di campionato.

Powervolley Milano, niente da fare contro Trento

Già alla vigilia la sfida si presentava alquanto impari. Colpa, tra le altre, anche degli infortuni di Pesaresi e Piano, rimasti in panchina per tutto il match. In campo il giovane Staforini come libero, Urnaut a scaldare la panchina che è meglio averlo per il campionato. Il risultato è netto: 25-22, 25-21 e 25-21, in poco più di un’ora di gioco. 

Ora testa alla Superlega

Per Milano non resta che concentrarsi sulle ultime giornate di Superlega. Dopo i cinque puntic onquistati contro Modena e Padova, che hanno fatto seguito alle sei sconfitte consecutive, la banda di coach Piazza si rigetterà nell’agone della Superlega. Lì dove, nonostante tutto, potrebbero davvero arrivare altre soddisfazioni. Perché se è vero che Perugia e Civitanova appaiono ostacoli insormontabili, è altrettanto vero che Trento e Modena sembrano come dream team dormienti. E chissà che non possa capitare qualcosa di clamoroso. Sognare, in fondo, non costa nulla. Anche se questa Milano, ad oggi, non convince. E a breve ci sarà da discutere del futuro di molti interpreti. Coach Piazza in primis, ma anche i vari Ishikawa, Piano, Daldello e Kozamernik. Tutti in scadenza di contratto.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi