Ibrahimovic: l’inutile celebrazione dei 500 (e 501) gol in carriera
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Celebrare le reti numero 500 e 501 in carriera con le maglie del club è inutile se ti chiami Zlatan Ibrahimovic. Un atleta che, all’alba dei 39 anni, riesce ancora a giganteggiare, a divertirsi e ad arrabbiarsi. Chiedete a Saelemaekers, che nel primo tempo del match contro il Crotone, vinto per 4-0, si è visto rifilare dallo svedese un paio di quelle occhiatacce che di solito lanci a chi ti ha detto qualcosa sui tuoi genitori o anche peggio.
Perché la verità è proprio questa: i numeri sono numeri, non contano. Anche quando sono grandi, mastodontici.

Ibrahimovic, 500 gol e non sentirli

Ma le carriere, i traguardi raggiunti, i miracoli sportivi no, quelli non passano mai di moda. Come la voglia di stupire, di poter dimostrare che sì, anche a 39 anni, Ibrahimovic sa essere decisivo. E può davvero spingere e spronare uno dei Diavoli più giovani mai visti lì, al primo posto in classifica, in barba al tentativo di risalita dell’Inter che due giorni prima si era permessa il lusso di sorpassare i rossoneri andando a vincere a Firenze: “Serve fare il nostro, giocare la nostra partita e vincere. Poi i momenti arrivano e bisogna sfruttarli”. A partire, magari, già da quale derby del prossimo 21 febbraio che metterà di fronte sicuramente la prima e la seconda in classifica: l’ordine lo deciderà il prossimo weekend, quello che vedrà i rossoneri impegnati a La Spezia e i nerazzurri di scena a San Siro contro la Lazio.

Inter-Milan, un derby per il primato

Una cosa è certa, mai come in questo momento la Milano del calcio si sente importante, bella e pronta al grande ballo. Un ballo quasi delle debuttanti, per due squadre che si sono purtroppo disabituate ai grandi palcoscenici. Ora però ci pensa lui in casa Milan, Ibrahimovic: “Un campione con un grande senso di competitività – l’ammissione di Pioli – quando sta bene ha quasi sempre fatto 2 gol”. Già: sei partite di campionato, 14 centri. Una media mostruosa, chi non lo vorrebbe ancora in squadra? “Ma deciderà lui il suo futuro, anche se secondo me credo sia giusto che continui a giocare e che continui a farlo con noi”. Pioli lancia il sasso, chissà che Ibra non lo colga e decida di proseguire la sua avventura a Milano: “I cinquecento gol con i club? Significa che ho fatto qualche gol in carriera, ma l’importante è continuare e aiutare la squadra nel miglior modo” le parole dello svedese. Pronto a proseguire la sua carriera in rossonero.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi