McFIT, Vito Scavo: “Un’ottima notizia, si riparte”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Grande notizia per gli appassionati di fitness. McFIT, la catena di palestre n°1 Europa, che fa parte di RSG Group GmbH, il gruppo più importante nel settore a livello mondiale, riparte in sicurezza. L’allenamento outdoor potrà essere praticato infatti dagli abbonati all’interno delle venti tensostrutture presenti in diverse città d’Italia.

McFIT a Milano

Da venerdì mattina la prima tensostruttura ad essere operativa è quella adiacente al Centro fitness di Milano, in Viale Fulvio Testi 29. MilanoSportiva era presente all’inaugurazione. Le altre apriranno nei prossimi giorni a Torino, Pavia, Cremona, Roma, Bari, Mestre, Verona, Padova, Vicenza, Udine, Bassano del Grappa (VI), Ferrara e Treviso.

Fitness e Covid-19

L’allenamento avverrà in sicurezza, nel rispetto delle misure e protocolli anti COVID-19. Nello specifico le attrezzature saranno distanziate di 2 metri l’una dall’altra. Ci sarà l’obbligo di indossare la mascherina quando si entra e per gli spostamenti da un attrezzo e l’altro; si dovrà utilizzare gel igienizzante per sanificare gli attrezzi prima e dopo il loro utilizzo.
Sarà possibile allenarsi dalle 7 alle 22, dal lunedì al venerdì. Sabato, domenica a festivi dalle 9 alle 21. Per saperne di più, MilanoSportiva ha intervistato Vito Scavo, Amministratore McFIT Italia e Direttore Operativo di RSG Group GmbH.

L’intervista a Vito Scavo

“Si riparte, è un’ottima notizia. Abbiamo delle tensostrutture all’aperto che sono ovviamente più piccole dei nostri centri ma pur di ripartire, si riparte. A norma di legge sapevamo già che era possibile farlo ma eravamo in inverno. Ora si va verso la bella stagione e abbiamo preso questa decisione. Per i nostri clienti è fondamentale pensare alla loro salute e mantenersi in forma. I nostri dipendenti poi hanno il diritto di lavorare e noi riteniamo giusto farglielo fare. Le risposte sono positive. Già il primo giorno ci sono stati tanti clienti”.

Governo

“Al nuovo Governo chiediamo propositività e buon senso. Non deve fare gli stessi errori del Governo precedente che ha preferito chiudere i centri fitness, cosa sbagliata ma semplicissima, piuttosto che concentrarsi su vere misure. Non c’è nessun dato scientifico che ci dimostri che le palestre siano più o meno sicure di altri luoghi. Tutte le macchine sono distanziate due metri, vengono disinfettate prima e dopo l’uso. Possiamo verificare chi entra e anche diminuire il numero di accessi. Si potevano fare tante cose con un po’ di buon senso e lasciare i centri fitness aperti”.

Fitness

“Il nostro settore viene sottovalutato, c’è poca educazione. Si pensa ancora che in palestra ci va solo chi vuole farsi un po’ di muscoli. Lo sport serve alla salute ed è fondamentale. In Italia non tutti ancora lo hanno capito come all’estero. Speriamo che a marzo si riparta anche con i centri fitness. Intanto con queste tensostrutture siamo partiti un po’ prima e abbiamo dato ai nostri clienti più spazio anche per il futuro. In estate si potranno allenare sia all’aperto che al chiuso”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi