Milano Quanta forza 16: ora è mucchio selvaggio
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Milano Quanta (foto Semino) ha battuto 16-1 il Lepis Piacenza nella sfida valida per la 17esima giornata della regular season della Serie A di hockey inline. un match senza storia, che ha visto la formazione meneghina distruggere il fanalino di cosa Piacenza ma non migliorare la propria classifica. 

Milano Quanta, 16 reti al malcapitato Piacenza

Partita senza storia quella disputata al Quanta Club di via Assietta. Il Milano Quanta ha chiuso il primo tempo addirittura sul 6-0, grazie alle reti di Battistella (doppietta), Banchero, Ederle, Belcastro e Rigoni. Nella ripresa, poi, altre dieci reti: sul tabellino dei marcatori ci finiscono Banchero e Ferrari, autori di una tripletta a testa, Ronco, Battistella, Rigoni, Zagni. Di Vezzoli, per gli ospiti, la rete del momentaneo 13-1.  Mvp del match Battistella, autore di tre gol e due assist. Da registrare anche l’esordio in Serie A del giovane Stefano Rebughini.

La classifica

In classifica il Milano Quanta rimane ancorato al terzo posto in classifica, dietro ai Diavoli Vicenza, vittoriosi anche sul campo del Cus Verona (5-3), e Ferrara, che però ha perso 3-2 sul campo dei Ghosts Padova per un’ammucchiata selvaggia lì davanti: detto di Vicenza, prima con 51 punti conquistati, dietro ci sono nell’ordine Ferrara, a quota 35, e il duo Milano e Padova, ancorati a quota 34. E sabato prossimo ci si gioca tutto: Padova andrà di scena sul campo del Cus Verona, Milano su quello di Torino contro il Real; mentre per Ferrara la trasferta sarà sul campo del Cittadella penultimo in classifica.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi