Cinque Mulini 2021, il traguardo tra i mulini e l’Olona
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Sarà una Cinque Mulini particolare quella in programma il 28 marzo. La pandemia Covid-19 ha infatti determinato scelte organizzative diverse dal solito, davanti alle quali il cross più bello del mondo (cit. Grete Andresen-Waitz) non si è fatto trovare impreparato. Per contro, ha, di fatti, reagito con prontezza, spirito di iniziativa e invidiabile capacità di adattamento al cambiamento.

San Vittore Olona è pronta

Si inizia con l’area di partenza e arrivo di questa prova che si svolge ininterrottamente a San Vittore Olona da ben 89 anni. Data l’inagibilità dello Stadio del Cross causa lavori di ammodernamento, si torna alla rinomata area del vallo. Gli atleti che prenderanno parte alla Cinque Mulini partiranno e taglieranno il traguardo sui campi tra gli storici mulini che danno il nome alla manifestazione e il fiume Olona. Uno scenario naturale in puro stile cross-country che altro non fa che aumentare la spettacolarità delle competizioni; se poi ci fosse anche un po’ di fango, il quadro sarebbe perfetto…

Limitazione delle gare in programma

In un momento così delicato sotto il profilo sanitario, per la tutela e il benessere degli atleti il comitato organizzativo ha deciso di non far disputare le gare riservate alle categorie Master per le quali, nei prossimi giorni, verranno svelati i dettagli di simpatiche novità. Cinque quindi le prove del settore Assoluto per le quali le iscrizioni apriranno martedì 16 febbraio: Senior maschile, Junior e Senior femminile, Junior maschile, Allieve, Allievi. Infine, per la prima volta in 89 anni, la Cinque Mulini sarà senza pubblico.

Cinque Mulini, il presidente: Decisioni difficili ma preferiamo la sicurezza dei runner

“E’ strano pensare ad una Cinque Mulini in versione rivisitata come quella di quest’anno”, racconta Giuseppe Gallo Stampino, presidente dell’Unione Sportiva San Vittore Olona 1906. “Decisioni di questo tipo – continua il presidente – non sono mai semplici. Abbiamo preferito anteporre a qualsiasi cosa la sicurezza dei runner, evitando assembramenti di difficile gestione quali quelli che si creerebbero con le gare master, e andando a lavorare con bolle di sicurezza per le prove Assolute. I protocolli di sicurezza saranno ancora più rigidi di quelli previsti dalle normative in essere. Solo in questo modo riusciremo, ancora una volta, ad offrire una giornata di sport di alto livello. E, alla luce di queste difficoltà oggettive, è doveroso un ringraziamento a tutti i volontari, alle autorità locali, alla protezione civile, ai comitati di Legnano e Parabiago della Croce Rossa Italiana e agli sponsor che, mai come quest’anno, sono alleati preziosi per la buona (e sicura) riuscita della manifestazione”.

Avatar
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi