Roma e Stella Rossa: il Milan si gioca tutto in quattro giorni
Condividi l'articolo

Giocarsi tutto in quattro giorni. È questo lo strano destino del Milan, che dopo un 2020 da urlo è incappato nel periodo più nero della gestione Pioli: quattro sconfitte nelle ultime sette gare, sette gol subiti nelle ultime tre. Numeri che parlano di un inizio di crisi ma che serviranno al tecnico emiliano per spronare la sua squadra.

Milan, giocarsi tutto in quattro giorni

Che ora si ritrova ad un bivio, con le sfide contro Stella Rossa e Roma, a tutti gli effetti, decisive: giovedì a San Siro arriverà la formazione serba diretta in panchina dall’ex interista Stankovic e, dopo il 2-2 dell’andata, si respira aria positiva. Di certo uscire dalla competizione ai sedicesimi di finale, dopo aver già detto addio alla Coppa Italia e al primo posto in classifica, farebbe scattare un nuovo campanello d’allarme in via Aldo Rossi. Anche perché, si sa, nello sport vincere aiuta a vincere.

Contro la Roma per blindare la Champions League

Ma anche perché da lì a tre giorni, più precisamente domenica sera (ore 20.45), i rossoneri marcheranno visita a quella Roma che, sebbene sia reduce dallo 0-0 maturato sul campo del Benevento, è conscia dell’enorme opportunità che il calendario le ha messo di fronte: i rossoneri, ad oggi, sono secondi a quota 49 punti, a -4 dall’Inter ma soprattutto a +5 proprio sui giallorossi. Un eventuale ko nella gara dell’Olimpico metterebbe seriamente a rischio quanto fatto finora: il primo posto, certamente, ma anche la partecipazione alla prossima Champions League perché la quinta in classifica, vale a dire la prima delle escluse, ad oggi è la Lazio a -6 dai rossoneri.

Bennacer, Diaz, Maldini, Mandzukic e Ibra ko

C’è bagarre e proprio per questo Pioli chiede al suo Milan di andare in campo e presentarsi nel miglior modo possibile; giovedì, in Europa League, non ci sarà Bennacer, alle prese con l’ennesimo problema muscolare, al pari di Diaz, Maldini, Mandzukic e, molto probabilmente, Ibrahimovic, uscito per un problema al polpaccio nel derby: “Abbiamo commesso tanti errori, ma ci riprenderemo – ha detto lo svedese, ricevendo il Tapiro d’Oro – alla prossima partita vado con il Tapiro, magari porta fortuna”. Anche se la sua assenza da Milanello per concentrarsi su Sanremo appare come una miccia pronta ad accendersi: “Il Festival? Per ora sono concentrato sulle partite” ha tagliato corto Ibra.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi