I bambini sempre più curiosi al mondo della scienza
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La curiosità è intrinseca nei bambini e sono quelli che sono più affascinati al mondo che li circonda. Spesso anche gli adulti dovrebbero avere la stessa curiosità che hanno i bambini, anche se ora come ora si è sempre più incuriositi al mondo delle piattaforme online di gioco come Starcasinò

Un buon libro, per i bambini, può alimentare la voglia di scoperta e contribuire a fargli conoscere cose nuove, inoltre può anche aiutare a combattere lo stereotipo secondo cui le bambine non possono fare parte del mondo della scienza. Tra i consigli di lettura per bambine e bambini affascinati o incuriositi dal mondo della scienza ci sono temi come i microbi, i segreti di Marie Curie e molto altro.

Nicola Davies, Mini. Il mondo invisibile dei microbi

“Non hanno occhi, testa o zampe, rami, radici o foglie perché non sono né animali né piante. Però sono vivi. Sono i microbi e ce ne sono tantissimi”. Linguaggio un po’ poetico e illustrazioni pittoriche da favola per raccontare un mondo invisibile, quello dei microbi. La meraviglia dell’infinitamente piccolo narrata da Nicola Davies. Pagina dopo pagina, scoprono che i microbi sono piccolissimi e tantissimi, talmente piccoli che una sola goccia di acqua marina ne può contenere 20 milioni! 

Luca Novelli, Marie Curie e i segreti atomici svelati

Il libro combina il racconto in prima persona della vita di Marie Curie, prima donna a ricevere il Premio Nobel, delle sue straordinarie ricerche e della lotta contro i pregiudizi, con elementi di divulgazione scientifica ed è arricchito da un agile Dizionarietto radioattivo. Una lettura interessante e coinvolgente. 

Anna Parisi, La storia delle scienza raccontata ai bambini. I primi passi dell’uomo nel mondo della conoscenza

Una divertente introduzione al mondo della fisica. Su uno sfondo storico si snoda il racconto delle avventure degli antichi. Arricchito dalla spiritose illustrazioni di Marco De Angelis, il testo è intervallato da alcuni dialoghi immaginari tra gli scienziati dell’antichità e un ragazzino di oggi e presenta anche la descrizione di piccoli esperimenti facilmente replicabili. L’autrice vuole infatti stimolare il bambino al ragionamento e dimostrare che, nel percorso della scienza, nessuna scoperta è definitiva. 

Vichi De Marchi e Roberta Fulci, Ragazze con i numeri. Storie, passioni e sogni di 15 scienziate

Il volume raccoglie le storie di quindici scienziate, come l’astronoma Vera Rubin e Valentina Tereshkova, prima donna a viaggiare nello spazio, che hanno sfidato i pregiudizi per realizzare i propri obiettivi. In questa galleria anche due importanti figure italiane: Rita Levi Montalcini e Laura Conti. Un libro utile a smontare la convinzione, ancora troppo radicata, che la scienza sia solo per i maschi. 

Jacqueline Kelly, L’evoluzione di Calpurnia

Ambientato alla fine del 1800, Calpurnia ha undici anni e non vuole proprio saperne del cucito, alla cucina, a tutte quelle cose da bambine del tempo in vista del loro futuro ruolo di donne di casa. È una ragazzina attenta e curiosa e ama cogliere gli aspetti meno evidento della natura che la circonda, così comincia ad annotare su un taccuino le sue osservazioni e le sue domande. Vorrebbe leggere L’origine delle specie di Darwin, ma la bibliotecaria rifiuta di dare un simile libro a una ragazzina. Leggerà lo stesso il libro proibito grazie al nonno, che le farà da guida nella scoperta dei segreti della natura e del metodo scientifico.

È giusto che i bambini scoprano sin da piccoli com’è il mondo che li circonda, ed è giusto che imparino anche che non c’è distinzione tra lavori da maschi e lavori da femmina e che ognuno può fare ciò che preferisce senza alcuna limitazione di genere.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi