Milano Quanta, il Master Round non è iniziato bene
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Master Round è iniziato tra le sorprese e non solo per il Milano Quanta. In ben 2 gare (su 4) sono infatti serviti overtime o rigori e a Padova la gara è stata equilibrata e “aperta” fino a pochi minuti dal termine. Una sola goleada (del Cittadella) contro un Piacenza che però ha ben figurato per tutta la prima frazione di gioco.

Master Round

Milano e Monleale, impegnate in trasferta, dominano i primi tempi ma si fanno poi rimontare un doppio vantaggio nella ripresa prima di essere entrambe “punite” oltre il quarantesimo, rispettivamente da Ferrara e Real. Non approfitta dello scivolone dei meneghini il Padova che viene battuta a domicilio dal gagliardo Cus Verona, sempre più a suo agio nel ruolo di “sorpresa” di questa stagione. Vediamo com’è andata sui vari campi. Otto le squadre scese in pista per le quattro gare d’apertura della seconda fase di campionato, quella di avvicinamento e rodaggio/qualificazione ai Playoff. A riposo Vicenza ed Asiago.

Milano Quanta, cronaca

A Ferrara altra sorpresa poi, con i padroni di casa dei Warriors che si impongono all’overtime contro Milano. Parte fortissimo Milano che si porta avanti 2-0 con le marcature di Banchero e Ronco oltre ad impegnare Gadioli in molte altre occasioni. Proprio le parate dell’estremo baluardo estense tengono a galla i Warriors che in avvio di ripresa. Riescono ad accorciare con Weger che sorprende Mai dalla lunga distanza. Il Ferrara trova coraggio e attacca a testa bassa aprendo però spazio ai contropiedi del Quanta che trovano il nuovo + 2 grazie al 3-1 firmato da Zagni nel traffico. E’ ancora una combinazione “a stelle e strisce” a valere la seconda marcatura del Ferrara con Weger bravo a colpire in back.

La sconfitta

Milano accusa il colpo e si innervosisce, anche a causa di un evidente fallo non fischiato a Dal Ben per una mossa da “wrestling” ai danni di Bellini; Ferrara fiuta il momento propizio ed impatta con Mazzarol (al 34mo). Una pericolosa spinta di Lettera (Nicola) su Ederle vale il powerplay per il Milano con 3 minuti sul cronometro ma i rossoblù non sono cinici come in altre occasioni e non sfruttano la superiorità numerica. Il tabellone al termine dei due tempi regolamentari segna 3-3 e rimanda quindi le formazioni all’overtime in cui, con le squadre in 3 contro 3, è un tocco ravvicinato di Dell’Antico a beffare Mai tra i gambali e a regalare i 2 punti ai Warriors.

Avatar
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi