Powervolley Milano-NBV Verona 3-0: e ora sotto con  Perugia
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Cronaca e tabellino live del match Allianz Powervolley Milano-NBV Verona, gara-3 del turno preliminare dei playoff Scudetto del campionato di Superlega. La sfida, che si sta disputando all’Allianz Cloud di Piazza Stuparich a Milano, sancirà chi tra le due formazioni affronterà Perugia nei quarti di finale. Le date dei quarti di finale prevedono gara-1 in casa della Sir già questo mercoledì, 10 marzo, con inizio alle ore 19. Gara-2 domenica 14 marzo, l’eventuale gara-3 domenica 21 marzo. Per Milano, però, di mezzo ci sarebbero anche le due finali di Challenge Cup, il 17 marzo all’Allianz Cloud e il 24 ad Ankara, in Turchia.

Powervolley Milano-NBV Verona, cronaca del primo set

Pronti via e il match viaggia subito su binari di estrema parità, con nessuna delle due formazioni che riesce a piazzare l’allungo decisivo (11-11). Il primo allungo è di Milano, che prima si porta sul 14-12 e poi sul 17-12. Un +5 che Milano riesce a gestire per tutto il set (21-16), Urnaut mette prima giù il pallone del 24-18, poi salva miracolosamente il pallone che Ishikawa spedisce sul muro e si adagia fuori dal campo, 25-18.

Powervolley Milano-NBV Verona, cronaca del secondo set

L’inizio di secondo set è da incubo per Milano, con Verona che riesce subito a scappare avanti (1-7). Merito soprattutto di grossolani errori in ricezione da parte della Powervolley. Ishikawa e Kozamernik riportano Milano fino al -4 (7-11), Caneschi concede poi il -3 (8-11), Ishikawa viene murato da Jaeschke (11-17). Kozamernik e Urnaut provano a tenere in gioco Milano, ma il divario non diminuisce (13-18). Milano ci prova (18-22) e risale fino a -3 (20-23), Ishikawa mura Augenier e Kaziyski manda fuori, Milano è a -1 con servizio in mano (22-23). Spirito sbaglia la ricezione e Urnaut mette giù la palla del 23-23. Ishikawa manda fuori ma c’è tocco a muro e arriva il primo set point per Milano (24-23). E’ ancora Ishikawa a mettere giù la palla del 25-23 per Milano.

Powervolley Milano-NBV Verona, cronaca del terzo set

Il terzo set comincia sulla falsariga del secondo, con Verona che riesce subito a prendere un piccolo margine (1-4). Ishikawa, muro Kozamernik-Patry e ancora il giapponese riportano Milano in parità (4-4). Verona scappa di nuovo piazzando un parziale di 7-0 (10-4) con Spirito in battuta, che s’interrompe solo per l’errore al servizio dello stesso. Ma Basic ricede subito il favore (12-5). Grazie al muro Milano riesce a tornare parzialmente in partita (13-9), Kozamernik mette giù il punto del 13-10, Verona regala quello del 13-11 prima e quello del 13-12 (per un’invasione) poi. L’ingresso di Maar è decisivo, con due punti avvicina ancora Milano a Verona fino al 17-18. Il muto Patry-Kozamernik funziona ancora (18-19), Sbertoli alza per il francese è Milano torna in parità (19-19). Piano tiene in corsa la Powervolley (20-20), l’ace di Patry manda avanti Milano (21-20), il tocco a muro sulla schiacciata del francese manda i meneghini sul 22-20. Milano è lanciata e la chiude sul 25-23 con Ishikawa: e ora sfida a Perugia.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Powervolley Milano-NBV Verona, il tabellino del match

Powervolley Milano-NBV Verona 2-0 (25-18, 25-23)

  • ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO: Basic, Kozamernik 7, Daldello, Sbertoli 2, Maar 7, Weber, Patry 14, Piano 2, Mosca 3, Ishikawa 13, Urnaut 11, Pesaresi. N. E. Meschiari, Staforini (L). All. Piazza
  • NBV VERONA: Kaziyski 14, Magalini 1, Caneschi 3, Augernier 3, Zingel, Jensen 14, Spirito 4, Jeaschke 6, Bonami. N. E. Peslac, Asparuhov, Zanotti, Donati (L). All. Stoytchev.
  • ARBITRI: Piana-Santi. Terzo arbitro: Rusconi
  • Impianti: Allianz Cloud di Milano
  • Durata set: 23′, 36′, 33′
  • MVP del match: Pesaresi
Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi