Ludovica Galuppi: “Sogno la maglia azzurra, per ora mi accontento di divertirmi”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Ludovica Galuppi, stella emergente dell’atletica leggera italiana, è emersa alle cronache per i bei risultati conseguiti negli ultimi mesi. Originaria di Castellanza,16 anni, da quest’anno corre per i colori della Bracco Atletica dopo essere cresciuta con quelli della Polisportiva Olonia. E’ suo il record italiano (7’45’’) nei 60 metri Under18, stabilito poche settimane fa ad Ancona. Con il quale ha conquistato anche il titolo di campionessa d’Italia, al suo primo passaggio nella Categoria Allieve. Dopo esserla stata, l’anno prima, nella Categoria Cadetti. Studentessa al liceo artistico di Busto Arsizio, sogna la maglia azzurra e, in futuro, di diventare architetto. Nel frattempo, si gode il piacere di fare atletica divertendosi. E la compagnia di amici e amiche alla quale, consapevole della sua giovane età, sente di non dover rinunciare. Di seguito, l’intervista all’atleta lombarda.

Ludovica Galuppi, il piacere di fare atletica

Correre mi è sempre piaciutodichiara Ludovica Galuppi – l’atletica rimane tuttora un divertimento. Se non lo fosse, non la praticherei. Ho cominciato a praticarla da molto piccola, non ero ancora in terza elementare. Le mini olimpiadi estive all’oratorio sono state il momento per me decisivo, avevo già praticato altre discipline ma ho capito subito che l’atletica era quella che faceva per me. E così ho convinto mio papà ad iscrivermi ad una società locale. Con la Polisportiva Olonia di Olgiate Olona ho iniziato la mia avventura nell’atleticaDa quest’anno, Ludovica Galuppi corre per i colori della Bracco Atletica. “Essere passata in una società così apprezzata a livello regionale, è per me motivo di grande soddisfazione

Indoor di Bergamo, la svolta

A suscitare gli interessi della società del presidente Franco Angelotti, i bei risultati ottenuti fino a quel momento. Nel corso del 2019 vince la la Rassegna Nazionale Under16 (categoria Cadetti) sugli 80 metri con il tempo di 9’85’’. Nei 60 metri con il tempo di 7’72’’ agli Indoor di Bergamo sfiora il record italiano. “Una grandissima soddisfazione – rimarca la giovane atleta – è stato un risultato ottenuto senza che mi fossi preparata in maniera specifica. Da quel momento ho deciso che dovevo insistere, per fare sempre bene e sempre meglio” Nell’edizione 2020 della medesima rassegna, vince, con la maglia della Rappresentativa Lombarda, la staffetta 4×100 e la medaglia di bronzo negli 80 metri.

Nuovo allenatore, nuovo approccio mentale

A Milano, Ludovica Galuppi incontra il suo nuovo allenatore Tommaso Mascioli. “Abbiamo trovato subito l’intesa, con lui lavoriamo molto sull’aspetto mentale” I risultati non si sono fatti attendere. “Rispetto ai Campionati Nazionali Cadetti dell’anno scorso a Forlì nei quali sentivo molto la pressione, nei recenti disputati ad Ancona ero veramente rilassata e tranquilla. Molto del merito è del mio allenatore che mi ha indirizzato verso un diverso approccio mentale. Ciò non toglie che avevo tanta adrenalina in corpo durante il riscaldamento, ma quando mi sono trovata ai blocchi ho fatto la mia gara” I risultati parlano chiaro, tre settimane fa, ad Ancona, Ludovica Galuppi sfreccia nei 60 metri con il tempo di 7’45’’. E stabilisce il nuovo record italiano.

Concentrata su se stessa, senza rinunciare ai piaceri della sua età

Quando corro mi concentro su me stessa, mi isolo da tutto quanto mi succede intorno. Senza farmi distogliere da quanto fanno le altre, penso solo a fare bene. Soprattutto per me stessa, in questo momento non devo dimostrare niente a nessuno” L’atletica è la sua passione, ma non dimentica di essere una adolescente con i desideri che la sua età comporta. “Ho 16 anni , non posso e non voglio rinunciare al piacere di trascorrere il tempo libero con gli amici. Certo l’atletica comporta anche qualche sacrificio- sottolinea consapevole Ludovica Galuppi – Passo molte ore ad allenarmi sul Campo Comunale di Legnano. E ciò comporta che talvolta debba rinunciare al piacere della loro compagnia. Qualcuno capisce, qualcuno no. Mi conforta che le persone che mi conosco da sempre mi sono rimaste accanto

La maglia azzurra, il sogno

Ludovica Galuppi ha le idee chiare. Non solo l’atletica e gli amici, anche gli studi rivestono importanza nella sua vita. “Studio al liceo artistico di Busto Arsizio, mi piace molto disegnare. In futuro vorrei dedicarmi all’architettura” Un sogno che si affianca ad un altro sogno, auspicabilmente più vicino. “Non mi nascondo, sogno la maglia azzurra. Sin da molto piccola, voglio portare in alto i colori dell’Italia. Rimango comunque con i piedi per terra, quest’anno mi concentrerò sui 100 metri e 200 metri. Voglio prepararli al meglio. E magari fare un buon risultato sui 100 metri, una distanza che mi intriga. Poi, a fine stagione, si tireranno le somme. Per ora- conclude Ludovica Galuppiaffronto la stagione un piccolo passo alla volta, non voglio stravolgere il mio modo di allenarmi

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi