Campaccio Cross Country, vincono Kiplimo e Gemechu
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Giorni intensi e importanti per la 64ma edizione del Campaccio Cross Country organizzato dall’Us Sangiorgese, con l’appoggio del Comune di San Giorgio e di tutte le Istituzioni locali. La priorità era garantire il rispetto delle normative sanitarie. Così è stato, il Campaccio Cross Country ce l’ha fatta dando a questo storico evento la continuità che cercava. Nella due giorni del Campaccio circa un migliaio i partecipanti, sabato 20 marzo hanno aperto le competizioni i SeniorMaster. Domenica 21 marzo è stato il turno dei giovani, a sfidarsi, cadetti/e, allievi/e, juniores e promesse di ambo i sessi, anche con la grande novità per questa edizione del cross corto e, in ultimo, le competizioni più attese dal grande pubblico, quelle degli atleti assoluti. L’appuntamento è al prossimo 6 gennaio 2022 con la 65esima edizione con la speranza che la situazione pandemica sia completamente risolta e si possa tornare a gareggiare in totale libertà e serenità.

Campaccio, la gara maschile

Gara spettacolare e nessuna sorpresa tra gli uomini dove a tagliare il traguardo per primo in 29’07” è stato l’ugandese Jacob Kiplimo che, solo una settimana fa, si era imposto anche alla Festa del Cross di Campi Bisenzio. Allenato dal bergamasco Jacopo Brasi, Jakob Kiplimo, campione mondiale di mezza maratona e vicecampione mondiale di cross, era il grande favorito della vigilia e ha ingaggiato una battaglia con l’etiope Nibret Melak, battuto per soli 3 secondi. Terzo posto in 29’14” per Oscar Chelimo, anch’egli ugandese e fratello, 13 i mesi di differenza, di Jakob Kiplimo. Giovanissimi i due fratelli, Kiplimo è nato nel 2000 e Chelimo nel 2001. “Sono decisamente soddisfatto e soddisfatto di me stesso”, spiega a fine gara Jakob Kiplimo.

Al Campaccio Cross Country l’Italia con Eyob Faniel (Fiamme Oro) agguanta un prestigioso quarto posto in 29’53”. Il neo primatista di mezza maratona, oltre che di maratona e 10km sul strada, tiene testa nella volata finale all’etiope Mogos Tuemay, vincitore del Campaccio 2020, quinto in 29’55”. Niente da fare per Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) che perde la possibile rivincita del Campionato Italiano contro Illiass Aouani (Atl. Casone Noceto), quest’ultimo sesto al traguardo con 30’01”.

Campaccio Cross Country, gara femminile

Al Campaccio Cross Country duello paritario tra l’etiope Tsehay Gemechu, all’esordio in questa competizione, e la keniana Lilian Rengeruk, vincitrice nel 2018. A spuntarla è la Gemechu che fa segnare il crono di 19’03” con la Rengeruk alle calcagna ed in ritardo di soli 3 secondi. Dietro di loro il vuoto, staccata di parecchio l’etiope Tsige Haileslase che chiude la sua prova in 19’56” a completare il podio. Uscita di scena verso metà gara la neo campionessa italiana Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) per un malessere fisico, la prima italiana al traguardo è l’azzurra Francesca Tommasi.

La portacolori dell’Esercito chiude i 6km del celebre percorso in 20’15”, migliorando di netto il 21’14” del 2016, unica sua prestazione registrata al Campaccio. Sotto i riflettori la buona prova di Giovanna Selva (Sport Project VCO) che chiude in 20’31” e conferma di essere un astro nascente dopo il quarto posto al Campionato Italiano di Cross di Campi Bisenzio (Fi) dello scorso fine settimana. Più staccate ma comunque con valide prestazioni sia Alice Gaggi che Gaia Colli.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi