LA POWERVOLLEY MILANO VINCE LA CHALLENGE CUP 2021!
Ti piace questo articolo? Condividilo!

VITTORIA! L’Allianz Powervolley Milano ha vinto 3-2 (23-25, 25-23,25-16, 18-25, 8-15) alla Baskhent Arena di Ankara battendo lo Ziraat alla fine di una sfida molto tirata, che ha visto i milanesi vincere il primo set, andare ad un passo dalla conquista del secondo prima di soccombere sotto i colpi della formazione turca, rinascere nel finale e giocare alla grande il tie break decisivo, conquistando la Challenge Cup 2020/2021. Una vittoria che consegna alla città di Milano la terza finale continentale consecutiva negli sport di squadra, dopo il ko dell’Inter in Europa League nel 2020 contro gli spagnoli del Siviglia e quella del Milano Quanta nell’hockey inline nel 2019 contro i francesi del Granges Les Tigres. Ma soprattutto ridona un successo di squadra in salsa meneghina a distanza di 11 anni, dopo l’allora Champions League conquistata dall’Inter nel 2010.

La Powervolley Milano ha scritto la storia

Entrare nella storia, i ragazzi di coach Piazza ci sono riusciti. Una storica finale per una società fondata nel 2010 e che, l’anno scorso, aveva assaporato la possibilità di giocarsi la finale di Challenge Cup prima che il covid bloccasse tutto all’altezza delle semifinali. Una finale di un trofeo continentale in casa Milano che mancava addirittura dal 1993/94, anno in cui l’allora società pallavolista della polisportiva Milan di Silvio Berlusconi persa la finale di Supercoppa Europea contro i francesi del Cannes. Il breve ciclo di vita della creatura berlusconiana vide comunque la pallavolo meneghina poter portare a casa risultati di prestigio: due Mondiali per Club (1991 e 1993, per quanto potessero valere) ma soprattutto la vittoria in Coppa delle Coppe del 1993, il punto più alto della pallavolo a Milano al pari del successo nell’allora  Coppa Cev del Gonzaga nell’annata 1986/87.

Ziraat Bankası SK Ankara-Allianz Powervolley Milano, il primo set

Nel primo set parte subito forte Milano, che comanda la frazione dall’inizio alla fine. Un ottimo Patry, che chiude il parziale con ben otto punti in cascina, trascina la formazione meneghina al 25-23 finale, dopo aver acquisito anche un vantaggio di quattro punti.

Ziraat Bankası SK Ankara-Allianz Powervolley Milano, il secondo set

Secondo set molto combattuto, con lo Ziraat che riesce a gestire la partita, rimanere aggrappato al set e chiudere poi sul 25-23 in suo favore ma faticando molto. Milano, infatti, ha sprecato la giocata sul 23-23 con una schiacciata fuori di Ishikawa, che ha poi spalancato la vittoria del set ai turchi.

Ziraat Bankası SK Ankara-Allianz Powervolley Milano, il terzo set

Il terzo set è sicuramente il parziale più brutto tra quelli giocati dall’Allianz Powervolley Milano. Squadra mai in campo, sia con la testa che con il corpo, merito anche della formazione turca che non sbaglia nulla e chiude il parziale con un ottimo 78% in attacco. E alla fine è addirittura un 25-16 in appena 25 minuti di gioco.

Ziraat Bankası SK Ankara-Allianz Powervolley Milano, il quarto set

Se il terzo set era stato il peggiore giocato da Milano, il quarto è stato sicuramente il migliore. I ragazzi di Piazza partono subito forte, ma i turchi riescono a rimanere in partita fino al 7-7. Poi l’allungo decisivo, con un parziale di +5 che permette ai milanesi di chiudere il set sul 25-17 grazie soprattutto ad Ishikawa.

Ziraat Bankası SK Ankara-Allianz Powervolley Milano, il quinto set

Al tie break parte subito avanti Milano con Urnaut, poi Atanasov riporta subito la parità (1-1). Patry viene murato (1-2), ma Kozamernik mette giù con forza il punto del 2-2. Ankara ancora avanti con Atanasov (3-2), poi è ancora Urnaut a tenere in corsa Milano (3-3). Patry mura Atanasov e Milano passa avanti (3-4), Urnaut butta giù il punto del +2: e Medei, tecnico italiano di Ankara, è costretto a chiamare il time out (3-5). Atanasov passa nonostante il muro a tre di Milano (4-5), ma la battuta di Ter Maat è fuori (4-6). Bulbul attacca ma manda la palla fuori, l’arbitro da il punto ai turchi: il video check, però, conferma che la palla è fuori e Milano vola sul 7-4. Il punto numero otto di Milano è Pesaresi, che riceve e manda la palla a terra dall’altra parte: 8-4. L’ace di Patry porta Milano sul 9-4, poi il francese regala il quinto punto ai turchi con un fallo in battuta. Urnaut lavora sul lungo linea e trova il punto del 10-5, poi Bulbul c’è (6-10). Il lungo linea di Ishikawa ribadisce le distanze (11-6), Van Garderen trova uno spazio incredibile ed è 11-7 Milano. Kozamernik mura Gok (12-7), poi attimi di confusione su una battuta di Sbertoli; l’arbitro da punto allo Ziraat, poi torna sui suoi passi e quindi Milano viaggia sul 13-7; sette palle match che arrivano sul muro di Patry (14-7). Van Garderen trova il mani out (14-8), ma la chiude Ishikawa (15-8). E MILANO VINCE LA CHALLENGE CUP 2020/2021.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi