Milan-Sampdoria: da Suso e Piatek alla Champions League
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Da Milan-Sampdoria a Milan-Sampdoria, dalla rinascita al consolidamento. È passato più di un anno dall’ultima sfida tra i rossoneri e i blucerchiati: era il 6 gennaio 2020 e il Milan impattava sullo 0-0 contro una buona Sampdoria in un San Siro ancora gremito di persone (58.572 gli spettatori paganti). Da lì partì la rivoluzione di Stefano Pioli, Paolo Maldini e Zlatan Ibrahimovic, le tre anime che hanno saputo cambiare totalmente la fisionomia del Diavolo e trasformarlo da incompiuta, con tanto di ferite della gestione Giampaolo ancora assai evidenti, a schiacciasassi e macchina indistruttibile.

Milan-Sampdoria, in principio fu Suso e Piatek

Perché da lì partì la rivoluzione, quella che si spera possa riportare il Milan in Champions League al termine di questa stagione: quella contro la Sampdoria, infatti, fu l’ultima gara dei rossoneri in campionato col vecchio modello di gioco, il 4-3-3, così come l’ultima gara in campionato di Suso e Piatek. Il polacco venne sostituito da Ibrahimovic e, idealmente, cedette il testimone in una staffetta che non l’avrebbe più visto protagonista. Perché assieme a lui, di quel Milan, oggi non fanno più parte i vari Musacchio, Bonaventura, Suso, Reina, Caldara, Conti e Paquetà, quasi una squadra intera. Da allora, i rossoneri non hanno più pareggiato a reti bianche in Serie A. Gli unici due pareggi a reti inviolate, in questo lasso di tempo, sono arrivati in Coppa Italia, lo 0-0 della semifinale di ritorno contro la Juve e lo 0-0 di quest’anno col Toro, poi terminata col successo ai rigori per il Milan.

Milan, 75 punti per la Champions League

Una squadra capace di cambiare pelle, da comprimaria nella lotta per l’Europa League a protagonista per un posto in Champions:E’ un momento decisivo – l’ammissione di Pioli – di punti dobbiamo farne ancora tanti. 75 potrebbe essere la soglia giusta per la Champions, ma è difficile fare calcoli”. La certezza si chiama Ibrahimovic: “Sta bene, ci siamo sentiti quotidianamente come con gli altri. È arrivato in buonissime condizioni. Tutto a posto”.

Milan-Sampdoria, le probabili formazioni

  • MILAN: (4-2-3-1): Donnarumma; Dalot, Tomori, Kjaer; Theo Hernandez; Kessie, Bennacer; Saelemaekers, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic. All. Pioli
  • SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Colley, Augello; Candreva, Adrien Silva, Thorsby, Damsgaard; Quagliarella, Gabbiadini. All. Ranieri
Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi