Marco Materazzi va in finale agli Italiani di FITpra di padel punta al ‘Triplete’
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Marco Materazzi, un campione del mondo agli Italiani FITpra di padel. L’ex Inter ha colorato di un azzurro il cielo sopra l’Umbria partecipando e superando una delle tante tappe di qualificazione ai Campionati Italiani FITpra nella regione del Centro Italia.

Italiani di FITpra, Materazzi in finale

Al Perugia Padel l’ex difensore dell’Inter e dell’Italia ha catalizzato l’attenzione dei partecipanti, mettendo in mostra una grande forma fisica, un discreto bagaglio tecnico su cui lavorare ancora e quella grinta che lo ha sempre contraddistinto in carriera. In coppia con Lorenzo Tarpani, il signore del gol con quasi 450 reti all’attivo tra Serie C e dilettanti, è stato subito feeling riuscendo a scalare tutto il tabellone, arrivando fino in finale. Al primo turno vittoria 6-0 6-1 contro Sisani/Moretti, 6-1 6-2 a Cardoni/Bricca, nel 3° turno, 6-4 6-2 contro Goracci/Gambrini, 6-4 4-6 4-1 alla coppia Giubilei/Citerni nei quarti ed in semifinale il successo arriva in tre set contro Biccari/Fattori. In finale Marco Materazzi e Lorenzo devono cedere contro Barbetta, padre e figlio.

Marco Materazzi punta al ‘Triplete’ nel padel

Ma c’è di più. Marco Materazzi punta, infatti, al triplete anche nel padel, prima cercando di qualificarsi per il master regionale, poi provando ad arrivare a quello finale di Roma ed infine aprendo una mega struttura con 9 campi indoor a Ponte San Giovanni, alle porte di Perugia. Un nuovissimo impianto che tra pochi mesi vedrà la luce (probabilmente a maggio). Un investimento importante fatto insieme al suo socio, l’altro campione del mondo 2006 Andrea Barzagli, fiorentino di Fiesole che ha deciso di vivere in Umbria insieme alla sua compagna originaria di Todi, seguendo la stessa strada intrapresa anni fa dall’amico ed ex compagno di nazionale.

Tarpani: “Materazzi? Meglio come compagno che come avversario”

“Marco è un grande appassionato di padel, giochiamo spesso insieme”. Le prime parole di Lorenzo Tarpani, idolo incontrastato del calcio dilettantistico umbro. “Agli occhi degli scettici – prosegue – potrebbe apparire come un giocatore di calcio che gioca a padel solamente per togliersi uno sfizio, per inseguire una moda. Invece non è così, Marco entra nella gabbia perché è attratto dalla gabbia. E’ un grande difensore anche in questa disciplina di cui conosce alla perfezione regole e tattiche, gioca molto bene in parete, sfrutta i vetri come pochi, è difficilissimo fargli punto. Preferisco averlo come compagno che come avversario, è un osso duro”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi