Urania: miracolo a Milano
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Fare sport nonostante il Covid-19 è una vera e propria impresa. L’Urania, come le altre società sportive, continua a farlo e sul piano agonistico è protagonista di un vero e proprio miracolo: la prima squadra si è qualificata ai playoff per accedere alla Serie A, pur essendo un’esordiente assoluta.

Fondata nel 1952 da Giovanni Verdesca, che nel corso di un viaggio negli USA si innamorò dei Kentucky Wildcats e ne prese spunto per lo stemma sociale, la seconda squadra della pallacanestro milanese ha impiegato ben 60 anni per arrivare all’esordio in Serie B.

Sette dopo, nella stagione 2019/20, ha debuttato in Serie A2, ma il Covid-19 ha portato alla sospensione del campionato quando si trovava al settimo posto del girone Est. Nonostante le perduranti difficoltà della stagione in corso, l’Urania ha ottenuto l’accesso ai playoff e ora sogna di arrivare nella massima serie, per uno storico derby contro l’Olimpia.

Architrave di questa impressionante crescita è il general manager Luca Biganzoli, intervistato da Milano Sportiva sulle sfide quotidiane di una società che, oltre alla prima squadra, vanta un vivaio tanto valido, quanto numeroso: 300 atleti nel minibasket e 110 nel settore giovanile.

Numeri che richiederebbero una maggiore interazione con le scuole del territorio, al fine di utilizzarne le palestre per gli allenamenti. Questo, però, è difficile come per tutte le altre associazioni che praticano sport di base e che segnalano le difficoltà nel rapporto con i consigli di istituto, specialmente in questa fase, con gli ulteriori ostacoli determinati dalla pandemia. “Ma a noi non piace lamentarci”, spiega Biganzoli. “Il Covid-19 c’è per tutti e bisogna farci i conti. Per questo abbiamo cercato di adattarci alla situazione, sia con allenamenti online, sia sviluppando un diverso rapporto con tifosi e sponsor, vista l’impossibilità di accogliere il pubblico durante le gare”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
News Reporter
Giornalista professionista, ha diretto “Eurocalcio” ed è stato publisher tra gli altri, di “Superbasket” e “Hurrà Juventus”. Ha scritto anche per Sky Sport UK, ESPN, Football Business, Dieci, Calciomercato.com, Sportal ed attualmente lo potete leggere su TPI, Affari Italiani e ilfattoquotidiano.it. Ha scritto diversi libri, tra cui “Cambiare il mondo con un pallone - Da Nelson Mandela a Megan Rapinoe, da Diego Maradona a Che Guevara: Quando in gioco c’è l’identità”. Conduce “Brand Journalism” su Radio Lombardia e dal 2011 è consigliere del Municipio 7 di Milano per il PD, dove è stato anche Presidente della Commissione Sport. https://www.ledizioni.it/prodotto/cambiare-il-mondo-con-un-pallone/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi