Lazio-Milan: la bugia di Pioli e l’alibi che non c’è più
Condividi l'articolo

Lazio-Milan come al casinò, quando il croupier chiude le giocate; con brivido, adrenalina e paura, il Milan si trova di fronte ad un bivio: vincere contro la Lazio, per proseguire nella sua rincorsa ad un posto Champions e tenere a debita distanza una rivale diretta; oppure perdere, rimettere tutto in discussione e giocarsi, molto probabilmente, il tutto per tutto nei due spareggi contro Juventus (9 maggio, a Torino) e Atalanta (23 maggio, ultima giornata a Bergamo) sperando di non incappare in ulteriori passi falsi nelle restanti sfide contro tre formazioni in lotta per non retrocedere (nell’ordine, Benevento, Torino e Cagliari).

Lazio-Milan, lo spareggio Champions che fa paura

È incredibile come la stagione del Milan, da trionfalistica, rischi di tramutarsi in un nuovo, ennesimo, disastroso anno sabbatico dai grandi palcoscenici. La rincorsa spasmodica alla Champions, cominciata idealmente a gennaio 2020 con l’approdo di Ibrahimovic (oggi ancora fuori dalla lista dei convocati causa infortunio ma comunque a bordo campo per incitare i suoi compagni), che sembrava davvero alla portata di un Diavolo capace di rimanere primo in classifica dalla quarta alla ventunesima giornata, oggi è seriamente messa in dubbio, causa una serie di risultati non positivi e all’assenza del gigante svedese, uomo capace di mettere a segno 15 delle 60 reti dei rossoneri, vale a dire il 25% del totale. Ibra che oggi potrebbe essere rimpiazzato da colui che, a gennaio, era giunto proprio come suo alter ego, Mandzukic: “Leao si gioca il posto da titolare con Mario” l’ammissione di Pioli, per nulla soddisfatto del rendimento offensivo del portoghese il quale non segna, partendo da titolare, addirittura da Milan-Torino 2-0 del 9 gennaio: un’eternità per un attaccante.

Il Milan merita la Champions, parola di Pioli

La ricetta di Pioli è sempre la stessa: vietato soffermarsi sulle sconfitte, meglio guardare avanti; manca poco alla fine della stagione, l’obiettivo è alla portata. E stasera tutti all’Olimpico: “E’ uno spareggio per andare in Champions League, ma noi ce lo meritiamo di arrivare tra le prime quattro della classifica”. Pioli carica i suoi, conscio che ormai non si possono più regalare punti a destra e a manca. Come accaduto, nell’ultimo periodo, contro Sassuolo, Sampdoria e Udinese (solo due sui nove a disposizione). Il problema, però, è che questa volta il Milan dovrà affrontare un match importante senza il solo Ibra. Recuperati Theo Hernandez e Tomori, nella lista degli indisponibili figurano solo lo svedese e il giovane Maldini. Come dire: se finora gli infortuni potevano considerarsi un alibi, ora questo non è più ammesso: “Rien ne va plus!”. Fate il vostro gioco per Lazio-Milan e senza tabelle, come riferito dallo stesso Pioli. Che, per una volta, ha detto una piccola bugia. Impossibile non fare tabelle in una lotta Champions così serrata e con così tanti interpreti ancora in gioco. Ma le bugie a fin di bene, spesso, possono portare anche sorrisi.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi