Pallanuoto Metanopoli, terzo ko di fila contro la Lazio Nuoto
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Terzo ko di fila per la Pallanuoto Metanopoli. Presso la piscina “Cozzi” di Milano, alle ore 16, la squadra meneghina si è tuffata in acqua per il nono turno dei playout contro la Lazio Nuoto. I milanesi e i romani si trovano appaiati al 3° posto del girone a quota 6 punti e con una vittoria sia gli uni sia gli altri sarebbero certi della permanenza in A1; alla Meta, basterebbe soltanto un pari in virtù della vittoria al “Foro Italico” di Roma.

Pallanuoto Metanopoli, cronaca

Nel primo tempo, subito botta di Di Somma in rete (1.10). Soltanto 20 secondi dopo, ecco il pareggio di Colosimo. Poi, rigore per capitan Lanzoni che però trova la grande parata di Soro. Ripartenza poderosa di Monari che prende bene la posizione davanti al portiere brasiliano e si guadagna un calcio di rigore; anche stavolta, Jack Lanzoni si fa ipnotizzare dall’estremo difensore ospite, graziato dalla traversa. Stessa storia due minuti più tardi: il capitano va in contropiede e l’esperto portiere avversario salva per l’ennesima volta i biancocelesti. 1-1 dopo i primi 8 minuti con tanti sprechi da parte dei ragazzi di coach Fabio Gambacorta.

Secondo tempo

Nella seconda frazione, scambio tra Cimarosti e il “Puma” Lorenzo Bianco che trova uno spiraglio e riporta in vantaggio i gialloblù, come nel primo tempo dopo 70 secondi di gioco; vicinissimo alla parata Soro (2-1). Palo interno dell’attaccante Vitale con un missile da distanza siderale che però poco più tardi si rifà, sfruttando un’amnesia della difesa di casa e gonfiando la porta di Cavo (4.12). Segue anche un palo di Ferrante. A un minuto e mezzo dalla fine del periodo, sapiente e rapido giro-palla sul perimetro della Lazio che permette a Vitale di aprire il fuoco, piazzando la sfera alle spalle di Cavo (superiorità numerica). Immediata reazione della Meta che colpisce la traversa con Monari. Poco dopo, accade l’incredibile: il pallone viene scaricato in una zona apparente innocua e molto lontana dalla porta, dove si trova Di Somma che – liberissimo – sgancia un missile terra aria che regala la parità all’ultimo respiro (7.55). Alla pausa, è 3-3.

Terzo tempo

Pronti, via col terzo tempo e Ravina colpisce il palo esterno alla sinistra di Soro. Dall’altra parte, Narciso attrae su di sé i giocatori in calottina gialloblù per poi scaricare su Caponero che riporta avanti i biancocelesti (1.54). Risponde immediatamente la Meta, guadagnandosi un rigore: stavolta è Brambilla a incaricarsi della massima punizione e “Black Bramba” non sbaglia (4-4). Poi, zampata del centroboa Leporale in una selva di mani e di nuovo tutto da rifare per i ragazzi di coach Gambacorta (4-5). La Lazio non smette di assediare la difesa di casa e Vitale, dopo aver fornito un assist a Leporale, trova anche la tripletta personale (4.05). Dopo diversi minuti in apnea, a un minuto e mezzo dalla fine, Giovanni Bianco fa partire una beduina velocissima che trafigge il portiere brasiliano e riporta i padroni di casa a -1 (6.31). Magia di Lanzoni che con un pallonetto fa passare il pallone in uno spazio minimo, trovando un pareggio che pochi secondi prima sembrava lontanissimo (7.12). Ma i ragazzi di coach Sebastianutti non ci stanno e Leporale in tap-in rimette le cose in chiaro quasi allo scadere del tempo (6-7).

Quarto tempo

Nella quarta e ultima frazione, tracollo della Meta che subisce il 6-8 (Narciso in superiorità numerica, 0.58) e il 6-9 (Antonucci, 2.04) nell’arco di pochi secondi e la Lazio scava un solco che sarà decisivo nell’economia della gara e della classifica del girone playout. Giovanni Bianco, però, trova un gol impossibile dalla sinistra imbucando nell’angolo del palo lontano, tenendo vive le speranze gialloblù (2.29). E a promettere un finale di fuoco ci pensa Jack Lanzoni che, dalla stessa mattonella di Giovanni Bianco, inventa una traiettoria surreale che batte Soro (8-9). Peccato che, pochi secondi più tardi, gli ospiti si guadagnano un rigore che Vitale non sbaglia, spiazzando Cavo e siglando il poker personale (8-10). Poi, il tap-in di Di Somma che, a 30 secondi dalla fine, risolleva i gialloblù a -1. Una rete, però, che non basta a evitare la terza sconfitta della Metanopoli.

Pallanuoto Metanopoli, agenda

Risultato finale di 9-10 per la Lazio che stacca il pass per la permanenza nel campionato di A1. Per la Metanopoli, invece, nell’ultima gara del girone playout sarà necessario vincere per restare nel massimo campionato italiano. Sabato prossimo, alle ore 18, i ragazzi di coach Gambacorta se la vedranno contro la RN Florentia in terra toscana, presso la Piscina “Goffredo Nannini” di Bellariva sullo splendido lungarno.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi