Giulio Perego: “Sogno Wimbledon! Milano, sto arrivando”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Una promessa che continua a vincere, Giulio Perego. E che quindi tanto promessa ormai non è più. Lui che, negli Stati Uniti, si è già aggiudicato quattro tornei del circuito americano e ora punta a diventare un punto di riferimento anche in Europa.

Giulio Perego, dove si trova adesso?

«Adesso sono a Naples, a scuola. Sono venuto qua a settembre del 2019 per seguire mio fratello, arrivato con una borsa di studio. Ho concluso il percorso delle superiori e ora vediamo».

Università?

«Sì, così posso proseguire a giocare anche a tennis. C’è una laurea in business management, corsi al mattino e al pomeriggio. Ma, essendo uno studente sportivo, sono un po’ più aiutato da un tutor. Vedremo come andrà, ma sono molto contento di aver preso questa decisione».

Quindi ci confermi che lo sport ha uno spazio molto importante nel sistema scolastico americano

«Assolutamente. Poi chiaramente il più importante è il football americano, ma ci sono tantissimi sport».

Parliamo del suo percorso nel mondo del tennis Junior americano, quattro titoli vinti e due finali perse…

«Non era una cosa preventivata quando sono partito dall’Italia. Il mio obiettivo era aprirmi più strade, conoscere nuova gente, fare una bella esperienza e imparare la lingua. Ma chiaramente ho continuato a giocare a tennis. Non che potessi fare grossi viaggi, quindi ho optato per tornei vicini. E sono riuscito ad avere questa opportunità, di entrare quasi nei primi 100. E non è stato facile, il livello è abbastanza buono».

Cosa ne pensi degli italiani che in questo momento stanno facendo bene? Da Berrettini a Sinner e Sonego

«Yannick non lo conosco, Lorenzo l’ho visto un paio di volte ai campionati italiani. In generale sono molto contento perché vuol dire che in Italia stanno facendo un buon lavoro».

E vedere Giulio Perego in giro per il mondo?

«Speriamo. Adesso devo ancora capire se giocheranno le qualificazioni di Wimbledon juniores, nel caso ci proverò. Ho vsito che hanno rimandato il Trofeo Bonfiglio a Milano e penso che lo giocherò, a breve torno in Italia per stare un po’ con i miei genitori. E poi vediamo come va».

Dobbiamo considerarti una stella del tennis italiano?

«Speriamo, mi farebbe piacere assolutamente».

Il sogno di Giulio Perego?

«Sicuramente giocare Wimbledon almeno una volta nella mia vita. E che il Milan torni in Champions League».

Beh, uno l’ha già realizzato…

«Aspettiamo il secondo».

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi