Calciomercato Milan: le news di sabato 29 maggio
Condividi l'articolo

Calciomercato Milan. Dirsi addio, senza rimpianti, anche se sei il capitano e il vice capitano. La grottesca situazione estiva del Milan di oggi porta proprio a questo: dato per assodato l’addio di Gigio Donnarumma, capitano dei rossoneri nell’ultima parte della stagione, si discute anche del futuro di Alessio Romagnoli, a tutti gli effetti il capitano effettivo di questo Milan. Il quale, dopo aver perso il posto a discapito di Tomori, è in odore di possibile cessione: la società l’ha fatto intendere a chiare lettere, dovesse arrivare l’offerta giusta per il nativo di Anzio l’addio ai colori rossoneri potrebbe non essere cosa così lontana. 

Calciomercato Milan, privarsi dei due capitani Donnarumma e Romagnoli

Mai come quest’anno, insomma, il simbolo che rappresenta la fascia di capitano è venuto meno. Quella benda messa al braccio, che ha un simbolo che va ben oltre il poter discutere con l’arbitro. Soprattutto se l’hanno indossata, tra gli altri, anche Gianni Rivera e Franco Baresi. Quest’ultimo, voluto da Liedholm dalla Primavera come titolare nel 1978 a sostituire un mostro sacro come Turone, e quasi a prendere il passaggio di consegne proprio da Rivera. Baresi che fu capitano del Milan a 22 anni e lo rimase fino a 38, quando lasciò il calcio, fedele alla bandiera e non al vil denaro. Ma questa è un’altra storia. 

Calciomercato Milan, Mirante arriva come secondo portiere

Che ricalca la storia anche dell’attuale direttore tecnico rossonero, Paolo Maldini. Il quale, dato il benservito a Donnarumma, ha deciso di puntare forte su Maignan, ottimo portiere con carattere  e attributi (sfidò Ibra da ragazzino al PSG in allenamento), flirtando anche con Mirante per il ruolo di secondo (l’ex Parma ha detto ufficialmente addio alla Roma). Non rimarranno in rossonero, invece, né Antonio Donnarumma né Tatarusanu.

Il riscatto di Tomori e Tonali

La priorità di Maldini, ad oggi, rimane comunque ancora Tomori: potrebbe essere lui il prossimo acquisto del Milan dopo Maignan; la prossima sarà una settimana calda di contatti con il Chelsea per l’acquisto a titolo definitivo del centrale inglese, sul quale pende come una spada di Damocle quell’opzione di riscatto fissata a gennaio da 28 milioni di euro, che la società proverà ad abbassarla. L’impressione, però, è che per il giovane inglese si potrà anche prevedere un sacrificio economico. Contestualmente il club sta trattando pure con il Brescia per Sandro Tonali, alla ricerca di una modifica sul pagamento dei restanti 25 milioni (15 più altri 10 di bonus) che il Milan dovrebbe riconoscere al club di Cellino. L’ipotesi di spalmare su due stagioni la cifra potrebbe essere la giusta via di mezzo per soddisfare le necessità di tutti

Schouten, De Paul e Giroud

Poi si penserà ai nuovi arrivi. L’ultimo nome finito sul taccuino di Maldini e Massara è quello del centrocampista olandese del Bologna, Jerdy Schouten, quest’anno 35 partite e un gol. Oltre ai rossoneri, sulle tracce del classe 1997 c’è anche l’Atalanta che cerca un’alternativa a De Roon.  In stand by la pista De Paul, con l’Atletico Madrid che cerca di anticipare Milan e Inter. Dopo l’Europeo, infine, si penserà a concludere l’operazione Giroud per l’attacco, con il giocatore francese che si svincolerà a parametro zero dal Chelsea al 30 giugno prossimo.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi