Raffa: Caccialanza Milano al terzo scudetto, Bracchi: “Gruppo eccezionale”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Lo scudetto della Caccialanza ha un sapore particolare per almeno due motivi. Il primo, esser tornati a vincere a distanza di due anni dopo un anno di assenza dalle final four. Il secondo, riportare il titolo tricolore a Milano, nel territorio particolarmente colpito dall’emergenza sanitaria.

Dario Bracchi: “Una vittoria per chi non c’è più”

“Una vittoria che dedichiamo ai nostri amici e soci che non ci sono più”, il pensiero del trainer della MPFiltri Caccialanza, Dario Bracchi. “È un successo che condividiamo coi tifosi che non hanno fatto mancare il proprio calore anche alle final four. Ma anche a chi ci ha seguito in diretta streaming”. “San Giovanni in Persiceto – aggiunge – ci porta bene. È stato un fine settimana durante il quale abbiamo espresso un buon gioco. Abbiamo vinto perché siamo stati la squadra che ha sbagliato meno. È indubbio come in una finale equilibrata si siano affrontate due grandi formazioni. Con la Boville, rivale sulle corsie da gioco, resta il rapporto di amicizia fuori dal campo”.

Il 2021 ripaga la Caccialanza degli sforzi del gruppo

La MPFiltri Caccialanza Milano, tra campionato e final four, ha chiuso la stagione con 13 vittorie, due pareggi e una sola sconfitta, “quest’ultima, tra l’altro, giunta in un momento particolare per noi”, rimarca Bracchi proseguendo: “Siamo contenti di quanto siamo riusciti a fare in questa particolare stagione. L’anno scorso, per colpa nostra, non abbiamo preso parte alle final four. Ma la stagione 2021 ha ripagato i nostri sforzi con gli interessi. Già non vediamo l’ora che ricominci il prossimo campionato”.

Squadra che vince non si cambia?

“Non sono la società – chiarisce Bracchi – però, posso dire che terrei la squadra al completo. Il nostro segreto sta anche nell’aver compattato il gruppo. Ogni giocatore qui ha avuto un ruolo importante. I giovani Gusmeroli e Invernizzi si sono ben inseriti, Bergamelli ha dato il suo contributo nonostante qualche noia fisica. Senza dimenticare il nostro Pietro Passera, la cui esperienza è fondamentale per tutta la società. Credo che sarebbe un’altra Caccialanza senza i suoi consigli e il suo supporto”.

Luraghi, capitano della Caccialanza: “Questo scudetto ci inorgoglisce”

Tra i protagonisti della cavalcata vincente, il capitano Marco Luraghi, insieme al fratello Paolo, grande trascinatore del gruppo. “La vittoria è stata una liberazione e la festa che abbiamo fatto ne è stata la dimostrazione”, il commento del capitano del team milanese. “Caccialanza e Boville – prosegue – hanno disputato una finale equilibrata e in certe sfide così tirate e sentite qualche boccia in più si può sbagliare. Siamo felici per tanti motivi. Vincere è sempre bello e aver conquistato il terzo scudetto dal 2017, a cui c’è da aggiungere la promozione dall’A2 del 2016, è qualcosa che ci inorgoglisce. Personalmente, sono davvero contento, perché, dopo aver saltato una parte della stagione per il Covid, mi sono ripreso alla grande”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi