Tokyo 2020, allenamenti sott’acqua per la fiorettista Arianna Errigo
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Mike Maric, campione mondiale di apnea, oggi medico, docente universitario e coach di blasonati atleti olimpionici (come, solo per citarne alcuni, Federica Pellegrini, Filippo Magnini, Igor Cassina, Sandro Campagna e il 7Bello), ha raccontato il suo rapporto con Arianna Errigo alla vigilia della sua partenza per le Olimpiadi Tokyo 2020 e di come la nota schermitrice l’abbia scelto per i suoi allenamenti.

Le parole di Mike Maric

“Innanzitutto l’atleta deve imparare a respirare correttamente e quindi conoscere tutte le tecniche di respirazione che possono aiutarlo ad affrontare al meglio una gara, partendo dalle fasi antecedenti. Inspirando ed espirando nella giusta maniera, infatti, è possibile gestire l’ansia da prestazione, i problemi legati all’insonnia e tutta la parte emotiva, ritrovando il controllo, il focusing, la capacità di concentrazione e la lucidità d’azione”.

Arianna Errigo sott’acqua per Tokyo 2020

Continua Mike Maric che, per i suoi allenamenti insieme ad Arianna Errigo, ha scelto Y-40, la piscina di acqua termale più profonda al mondo, capolavoro architettonico alle porte di Padova (Montegrotto Terme). “Inoltre, oggi in una prestazione sportiva di alto livello è chiave di volta anche tutta la parte di recupero. Vince chi recupera prima e meglio”. A tale proposito, insegnare le tecniche di respirazione ad un atleta per gestire l’affanno, la tachicardia e tutto ciò che rappresenta il passaggio tra una stoccata e l’altra fa un’enorme differenza. Infine la parte centrale, quella più impegnativa, è la parte di training specifico per fare in modo che l’atleta impari ad automatizzare certi meccanismi”.

Le parole di Arianna Errigo

“Lavorare con Mike mi ha aiutato a imparare come saper respirare. Ciò significa allenarsi meglio, recuperare meglio, più velocemente. Significa che durante una gara dove c’è molta tensione io riesco a gestirla nel migliore dei modi e a recuperare tra una stoccata e l’altra e tra un assalto e l’altro. Anche a livello mentale mi aiuta a rimanere più concentrata e a focalizzarmi. Ci sono diverse tecniche per allenarti, per rilassarti o per concentrarti. Lavorare con Mike è stato molto bello e diverso dal solito. Mi è piaciuto molto poter lavorare in acqua presso Y-40 The Deep Joy, con acqua termale. Lavorare in acqua ti costringe a fare molta più fatica. Non hai vie di fuga. Non puoi far finta di respirare e anche la parte psicologica entra in gioco”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi