Fight Camp di Milano: la scherma protagonista nella riabilitazione intensiva
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La scherma sarà tra le discipline sportive protagoniste dell’edizione 2021 del “Fight Camp” di Milano, in programma dal 16 al 22 agosto. Si tratta di un camp di riabilitazione intensiva attraverso lo sport, dedicato a bambini con diversi gradi di difficoltà motoria. Tutto grazie all’impegno di tutor e supervisori esperti in fisioterapia, terapia della neuro-psicomotricità dell’età evolutiva. Nonché terapia occupazionale, scienze motorie adattate e psicologia.

La quarta edizione del Fight Camp sarà ancora all’insegna di ‘Lotta e sorridi’

La quarta edizione del Fight Camp sarà ancora all’insegna del motto “Lotta e sorridi”, per continuare ad allenare le abilità motorie dei bambini con disabilità. Ma con una visione più olistica rispetto ai tradizionali programmi di riabilitazione intensiva che si focalizzano sui singoli distretti corporei. Tutti i bambini seguiranno un programma di allenamento sportivo in cui impareranno diverse discipline. Si va dalla scherma, alle arti marziali, passando per l’arrampicata, le bocce e il padel. Ma saranno attesi anche da esperienze uniche come l’incontro con atleti professionisti, artisti e innovatori.

Fight Camp per sperimentare momenti di vita comunitaria

Un’occasione preziosa anche per vivere una socialità ricreativa. Nonché per sperimentare momenti di vita comunitaria, allenare la capacità di adattamento ai cambiamenti veloci e altre “changemaking skills”, come empatia, lavoro di gruppo e leadership condivisa.

L’allenamento alla scherma in collaborazione con la FIS

L’allenamento alla scherma adattata in carrozzina sarà in collaborazione con la Federazione Italiana Scherma, che del movimento paralimpico ha fatto una sua bandiera e che sposerà questo progetto proprio a ridosso delle Paralimpiadi di Tokyo 2020. Al servizio dei bambini ci saranno i tecnici di scherma messi a disposizione dal Circolo Mangiarotti di Milano e i kit griffati Kinder, sempre al fianco della FIS per iniziative in cui portare sulla pedana della vita la “Joy of Moving”.

L’obiettivo è cominciare così un percorso di progetti condivisi per avvicinare alla scherma paralimpica sempre più ragazzini under 14, pronti a emulare i percorsi degli azzurri che, dal 24 agosto, rappresenteranno l’Italia nella spada, nel fioretto e nella sciabola alle Paralpimpiadi di Tokyo 2020.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi