Gay Games, Valencia si candida per ospitare l’edizione 2026
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Valencia si è candidata per ospitare i Gay Games 2026. Dal 13 al 17 agosto, la città spagnola ha ricevuto la visita di ispezione degli organizzatori. E’ in competizione con Guadalajara (Messico) e Monaco (Germania).

Valencia, la visita

Nel corso di questi quattro giorni, il team che lavora alla candidatura (composto da tutte le amministrazioni pubbliche e dai rappresentanti della comunità sportiva LGTBIQ+ di Valencia) ha mostrato agli ispettori più di 30 impianti sportivi e diversi luoghi culturali che ospiterebbero le gare di 36 discipline sportive tra il 27 maggio e il 7 giugno 2026, oltre ad un programma culturale parallelo. La partecipazione di circa 12.000 atleti e quasi 100.000 visitatori dovrebbe generare un impatto economico per la città di circa 135 milioni di euro.

Gli impianti sportivi

Gli ispettori hanno visitato impianti sportivi come il Trinquet de Pelayo, il campo da golf El Saler, la storica piscina dell’hotel Las Arenas, lo stadio di calcio Ciutat de Valencia, l’Alqueria del Bàsquet e diversi altri centri sportivi della città, così come luoghi culturali come il Palau de les Arts e il Teatro Romano di Sagunto. Hanno anche visitato il nuovo murale di Okuda, la mostra di Ninot e City of the Fallero Artist.

La mostra

Hanno potuto anche recarsi alla mostra “Alla conquista delle libertà. Memoria della diversità valenciana”, organizzata congiuntamente da Lambda e dai club sportivi Dracs e Samarucs e organizzata in questi giorni nella Marina de Valencia. La mostra espone le conquiste del collettivo LGTBIQ+, frutto del lavoro, dell’impegno e della lotta di attivisti e anonimi nel corso della storia che, nonostante tutte le difficoltà, hanno contribuito a rendere la società valenciana uno spazio più aperto, libero e plurale.

Il comitato

D’altra parte, il comitato per la candidatura ha aggiornato il suo sito web disponibile in inglese, spagnolo e valenciano – e ha sviluppato nuove creatività grafiche e audiovisive per promuovere la candidatura online nei prossimi mesi. La promozione è in corso anche a Copenaghen, dove nei prossimi giorni si terranno il “World Pride” e gli “Eurogames”.

Legislazioni LGTBIQ+

Valencia, oltre ad avere ottime infrastrutture, un clima mediterraneo ideale per lo sport e una grande esperienza nell’organizzazione di eventi sportivi, si presenta come candidata ideale grazie alle legislazioni LGTBIQ+ più avanzate del mondo, all’appoggio di associazioni dedicate alla difesa dei diritti e del collettivo LGTBIQ+, così come il consenso locale, provinciale e statale delle aree dello sport, dell’uguaglianza e della cultura.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi