Powervolley Milano, Yuri Romanò sul tetto d’Europa
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Anche la Powervolley Milano può festeggiare la medaglia d’oro conquistata dopo sedici anni dall’Italia agli Europeo. Gli azzurri si impongono sulla Slovenia di coach Giuliani con il risultato di 2-3 (25-22, 20-25, 25-20, 20-25, 11-15).

Italia in trionfo

Un Europeo che ha visto il giovane e rinnovato gruppo degli azzurri imporsi senza timore partita dopo partita. Vince l’Italia la finale con la Slovenia, la partita più difficile del suo cammino Europeo, merito degli avversari, con gli ex Kozamernik e Urnaut, che non hanno reso vita facile al gruppo di coach De Giorgi. Yuri Romanò si rivela una grande chiave di volta per la partita: entrato sul 4-1 per la Slovenia nel quarto set, l’opposto mancino cambia le carte in tavola del proprio avversario, concludendo il set con 7 punti a referto (86% in attacco) e 1 ace. Con l’inizio del quinto parziale, gli azzurri fanno fatica ed è ancora Romanò a chiudere il gap con un ace e un attacco da seconda linea, riportando gli azzurri sul 3-3. L’opposto mancino, che questa stagione giocherà tra le file dell’Allianz Powervolley Milano, chiude il match con un totale di 11 punti e il 90% in attacco.

Powervolley Milano in festa

Vince così l’Europeo la Nazionale di De Giorgi, e un’altra medaglia d’oro entra in casa Powervolley: dopo le olimpiadi conquistate dai francesi Jean Patry, Barthélémy Chinenyeze e lo scoutman Paolo Perrone, ora anche Yuri Romanò con la vittoria della competizione continentale, per un totale di quattro medaglie d’oro all’interno del gruppo squadra della società del presidente Lucio Fusaro, la Powervolley Milano.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi