Milano Bears a Chiavenna, Old Boys a Torino: Hockey ghiaccio, via al girone di ritorno
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Comincia il girone di ritorno della prima fase di IHL Division I, con il Milano Bears e gli Old Boys che puntano in alto con due sfide, però, sulla carta non semplicissime. Si comincia con Real Torino-Old Boys che apre il calendario di domani (ore 18.30). I piemontesi sono la rivelazione del campionato e tolta la sfida coi Bulldogs hanno dominato quasi ogni sfida. Tra queste anche l’andata con i meneghini, dove con una prova molto solida si sono imposti per 3-1. L’ultima partita contro i Bulldogs ha detto che gli Old Boys devono ancora crescere molto ma, visto che sono al primo anno in categoria, non c’è su di loro alcuna pressione. Con un roster profondo e alcuni elementi di buon livello tecnico, i lombardi proveranno a tenere la gara equilibrata il più a lungo possibile.

Milano Bears di scena a Chiavenna

L’ultimo appuntamento sarà quello di domenica a Chiavenna, dove dalle 18.45 i verde blu di casa ospiteranno il Milano Bears. Sinora senza punti, i chiavennaschi hanno avuto tante difficoltà a causa di un roster molto corto ma, come dimostrato ad Aosta, riescono a restare a lungo in partita contro quasi tutte le avversarie. I Bears invece hanno l’obbligo di ripartire per non perdere contatto col podio della classifica. La netta sconfitta di Torino nell’ultima giornata deve essere lasciata alle spalle e il match di Chiavenna affrontato col giusto piglio: solo così si potrà evitare un brutto scivolone. Conclude il programma la sfida di domani sera (ore 20.30) tra Aosta e la capolista Valpellice. Classifica dopo cinque giornate: Valpellice 15 punti; Real Torino 12, Milano Bears 9, Aosta Gladiators 6, Old Boys Milano 3, Chiavenna 0.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi