Fiorentina-Milan: le dichiarazioni di Pioli
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Non può essere pienamente soddisfatto Stefano Pioli; il 4-3 rimediato a Firenze, un risultato forse bugiardo, ha sancito il primo stop stagionale dei rossoneri in campionato ma anche la prima sconfitta dal 26 aprile 2021, quando la Lazio sconfisse 3-0 i rossoneri: «Nel primo tempo abbiamo giocato bene e non doveva finire 2-0 – le parole del tecnico emiliano – noi abbiamo creato tante situazioni, loro hanno chiuso il primo tempo avanti con un gran gol Saponara e una nostra disattenzione. Di certo la prestazione non è mancata, ma è stata più di carattere, di aver voglia di non perdere la prima partita in campionato».
Pioli, poi, prosegue: «Potevamo riprenderla alla fine della gara, perdere fa male e subire quattro gol fa male. E lo sanno anche i giocatori. Se prendi quattro reti è facile perdere, se ti manca sempre l’ultimo passaggio è difficile segnare. Siamo arrivati tante volte dentro l’area di rigore ma la lucidità è mancata. Sono gli episodi che hanno portato a questa sconfitta».
Un Milan comunque forte, che ha schiacciato la Fiorentina nella sua area: «Noi abbiamo concluso in 17 occasioni. Loro in cinque e hanno segnato quattro gol; di certo in quelli subiti serviva più attenzione, ma anche in quelli mancati serviva maggiore lucidità». Il Diavolo ha dovuto fronteggiare le assenze di Tomori, Rebic e Calabria: «Ma non deve essere una scusante, da domani (oggi, ndA) inizieremo a pensare già alla Champions League e alla sfida contro l’Atletico Madrid. Oggi, però, dobbiamo sentire il dolore di questa sconfitta e fare in modo che non succeda più; anche se stasera sono ancora più convinto che questa squadra sia molto forte».
In chiusura una battuta sul rinnovo del contratto: «Quando sarà il momento si farà, non è mai stato un problema per me e non ho mai avuto fretta. Dobbiamo rimanere concentrati su quanto fatto finora; siamo stati bravi, perché abbiamo sempre vinto. Ma nella sconfitta dobbiamo trovare convinzione, carattere e la giusta mentalità. E sono sicuro che lotteremo fino alla fine per i vertici del campionato. Perdere a Firenze fa meno male? No, fa sempre male. Certo, per me era una partita particolare e l’accoglienza è stata fenomenale. Ma non volevamo questo risultato, inutile negarlo».

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi