Hockey Ghiaccio: Division I, il derby di Milano è degli Old Boys
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Gli Old Boys Milano hanno battuto con un rotondo 4-0 i Milano Bears nella sfida valida per l’ottava e terzultima giornata del Gruppo Ovest della Division I della IHL, la Italian Hockey League. Un match, quello del Palazzo del Ghiaccio – Agorà di via dei Ciclamini, che è stato anche il teatro dei festeggiamenti per i primi 18 anni di vita della Curva del Milano, la frangia di sostenitori dei Bears e, in passato, della hockey ghiaccio Milano Rossoblu.

Hockey Ghiaccio, trionfo Old Boys nel derby di Milano

Gara equilibrata nel primo periodo, dove gli Old Boys chiudono avanti di un solo gol grazie alla realizzazione di Samuele Finessi; lo stesso, poi, va a segno anche nel secondo periodo, quello dell’intervallo lungo che manda gli Old Boys al riposo avanti per 2-0. Nel terzo periodo, poi, ci si aspetta la reazione dei Milano Bears e invece sono ancora gli Old Boys ad andare a segno, con la rete nuovamente di Samuele Finessi (tripletta alla fine per lui) e di Bryan Suevo.

Una classifica molto ingarbugliata 

Il successo degli Old Boys ha ingarbugliato ancora di più una classifica del campionato di hocjey ghiaccio assai affollata: perché il Milano Bears rimane ancora fermo a quota nove punti e ora rischia seriamente di non qualificarsi per il Master Round successivo, al quale parteciperanno le prime tre del Girone. Con Valpellice e Real Torino sicuri dei primi due posti (rispettivamente 21 e 15 punti), il successo degli Old Boys (otto punti) rimanderà alle ultime due giornate di campionato il giudizio finale. Lì dove gli Old Boys affronteranno Chiavenna e Valpellice, mentre i Milano Bears se la vedranno contro Aosta Gladiators e Real Torino.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi